“Eccheccevò”, il corto sul lavoro che non c’è è il più cliccato in rete

Pubblicato il 10 Gennaio 2012 18:18 | Ultimo aggiornamento: 10 Gennaio 2012 18:18

POTENZA – Con quasi 130mila contatti su YouTube “Eccheccevò” è il corto più cliccato d’Italia. A realizzarlo è stato il regista potentino Rocco Messina che in appena otto minuti fotografa, con abbondanti dosi di satira, il mondo del lavoro in cui i giovani sono costretti a faticare per ottenere un posto.

Il cortometraggio è stato girato, con un budget irrisorio, alla fine del 2003: ‘”esplosione” sulla rete è stata raggiunta nel 2009 nel momento in cui proprio YouTube Italia l’ha scelto come filmato di prima pagina.

Nel mini-film il signor Coviello, interpretato dallo stesso regista, affronta una commissione per ottenere un posto, subendo prove fisiche e quesiti impossibili, fino all’esatta soluzione della radice quadrata di 52.621, che permette al giovane la conquista dell’impiego.

Ma com’è nata l’idea di girare un film sull’affannosa ricerca di un’occupazione? “È il frutto – sottolinea Messina alla Gazzetta del Mezzogiorno – dell’esperienza di un’amica che in un concorso pubblico trovò una domanda su una valletta di Mike Bongiorno, oltre che dalla purtroppo attuale difficoltà dei ragazzi di avere un lavoro. In realtà, all’epoca – racconta il regista – stavo preparando un altro corto che richiedeva una lavorazione maggiore, era più complesso. Quando venni a sapere che facevano il Potenza film festival decisi di realizzare ‘Eccheccevò’. Lo feci in maniera artigianale con la convinzione che quel corto sarebbe nato e finito lì. Grazie all’aiuto di parenti e amici, come Antonio Di Stefano e Vincenzo Buono, ho potuto dare vita al film a costo zero“.

Oltre al popolo di YouTube, il corto di Messina ha ricevuto il premio della critica al Cortodrome di Fasano e al Lucania Film Festival. “Eccheccevò” si è classificato anche al primo posto ad “Effetto pace” di San Giorgio del Sannio e ha ottenuto un grande successo al festival nazionale per il centenario della Cgil a Terni.