Enzo Di Benedetto, morto a 63 anni l’interprete di “Amore Tossico”

di Alessandro Avico
Pubblicato il 1 marzo 2019 9:28 | Ultimo aggiornamento: 1 marzo 2019 9:31
Enzo Di Benedetto, morto  a 63 anni l'interprete di "Amore Tossico"

Enzo Di Benedetto, morto a 63 anni l’interprete di “Amore Tossico”

ROMA – E’ morto Enzo Di Benedetto. Lo scorso 21 febbraio, a 63 anni, un’influenza trasformatasi in broncopolmonite, ha stroncato l’ex ragazzo di strada interprete  di “Amore tossico”, il film diretto dal regista Claudio Caligari e ambientato a Ostia. La sua battuta “Ma come dovemo svortà e te piji er gelato?”, è diventata un vero tormentone che ha oltrepassato le epoche, collezionando migliaia di visualizzazioni su YouTube.

Il film racconta di un gruppo di tossicodipendenti romani, tra cui Cesare, Enzo, Roberto detto Ciopper, Massimo, Capellone, Michela, Loredana, Debora e Teresa, che trascorrono la propria drammatica routine tra la spiaggia di Ostia e Roma (nel quartiere Centocelle) attraverso il consumo degli stupefacenti, i piccoli litigi, le rapine e i furti commessi per procurarsi la dose quotidiana (e i relativi guai con la polizia e la giustizia) e la fioca speranza di poter cambiare vita e di disintossicarsi. La loro vita prosegue ripetitiva, senza un futuro apparente o un evento che possa porre termine alla loro drammatica situazione.

Come da tradizione neorealista, il cast è composto da attori non professionisti, di cui i componenti principali erano stati o erano allora tossicodipendenti. Questa situazione ha creato diversi problemi logistici riguardo alla reperibilità degli interpreti, visto che molti di loro durante la notte venivano arrestati per reati derivanti dalla loro situazione, e alle interpretazioni in sé, dato che talvolta venivano colti da improvvise crisi di astinenza proprio durante le riprese. Nelle ultime scene, ad esempio, la parte di Loredana viene interpretata da un’attrice diversa, come spiega lo stesso Caligari in un’intervista.

Fonte YouTube.