Ermal Meta-Fabrizio Moro, “Non mi avete fatto niente” uguale a “Silenzio”: il confronto VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 7 febbraio 2018 12:17 | Ultimo aggiornamento: 7 febbraio 2018 13:34
Ermal Meta-Fabrizio Moro, Non mi avete fatto niente uguale a Silenzio

Ermal Meta-Fabrizio Moro, “Non mi avete fatto niente” uguale a “Silenzio”

SANREMO – Un ritornello non inedito rischia di mandare a monte le aspettative di vittoria del duo Ermal Meta-Fabrizio Moro al Festival di Sanremo con la loro canzone “Non mi avete fatto niente” nella categoria Big. Il ritornello sarebbe praticamente identico ad un brano presentato a Sanremo Giovani nel 2016. Il brano entrato in gara è firmato, oltre che da Meta e Moro, da Andrea Febo, il quale è tra gli autori di “Silenzio” cantata nel 2016 da Ambra Calvani e Gabriele De Pascali.

Il ritornello di “Silenzio”, di fatto uguale anche nella melodia, recitava “Non mi avete tolto niente, non avete avuto niente, questa è la mia vita che va avanti oltre tutto e oltre la gente”. Parole sostanzialmente uguali al testo di Meta e koro in gara a Sanremo 2018: “Non mi avete fatto niente, non mi avete tolto niente, questa è la mia vita che va avanti, oltre tutto, oltre la gente”.

Non si tratterebbe di plagio, visto che l’autore è lo stesso, ma in discussione sarebbe – il condizionale è d’obbligo – la mancanza del requisito di brano inedito, come vuole il regolamento del Festival. In conferenza stampa è prevedibile che l’organizzazione (Rai) e la direzione artistica (Baglioni) facciano chiarezza su una vicenda che rischia di mettere il Festival su una china difficile.

Sul requisito di brano inedito, il regolamento di Sanremo parla chiaro.

“Tutte le canzoni dovranno essere nuove. (…) È considerata nuova, ai sensi e per gli effetti del presente Regolamento, la canzone che, nell’insieme della sua composizione o nella sola parte musicale o nel solo testo letterario (fatte salve per quest’ultimo eventuali iniziative editoriali  debitamente autorizzate), non sia già stata pubblicata e/o fruita, anche se a scopo gratuito, da un pubblico presente o lontano, o eseguita o  interpretata  dal vivo alla presenza di pubblico presente o lontano”. (…) Sussiste inoltre la caratteristica di canzone nuova nell’eventualità di utilizzo di stralci ‘campionati’ di canzoni già edite, sempre che questi – nel totale – non superino un terzo della canzone ‘nuova’ stessa”.

Insomma, se “Silenzio” risultasse regolarmente eseguita davanti a un pubblico, secondo il regolamento Ermal Meta e Fabrizio Moro dovrebbero essere quindi essere squalificati. E i due? Mentre Moro tace, Ermal Meta, su Twitter ha spiegato che

“Il brano di @MetaErmal e @FabrizioMoroOff #NonMiAveteFattoNiente non è un plagio. In tutte le interviste rilasciate a Sanremo [abbiamo spiegato] con chiarezza che il ritornello era già esistente e che il pezzo si è sviluppato da quel ritornello di Febo”.

Gossip e tv pubblica su Instagram un confronto tra i due brani. Effettivamente sono molto simili.

Un post condiviso da Gossipetv (@gossipetv) in data: