F1, Gp Malesia: Alonso subito fuori per la rottura dell’ala posteriore (video)

Pubblicato il 25 Marzo 2013 12:43 | Ultimo aggiornamento: 25 Marzo 2013 12:43
 Alonso subito fuori per la rottura dell'ala posteriore

Alonso subito fuori per la rottura dell’ala posteriore

SEPANG (MALESIA) – Finisce subito la gara di Fernando Alonso al gp di Malesia, secondo appuntamento del mondiale di Formula 1. Il pilota spagnolo della Ferrari dopo la partenza tocca Vettel e danneggia l’ala anteriore, poi rischia e invece di tornare ai box resta in pista, ma pochi secondi dopo l’ala si rompe e la sua vettura si insabbia.

Fernando Alonso, ai microfoni di Sky, spiega così al termine della gara la decisione iniziale di non rientrare subito ai box per sostituire l’alettone:  “Abbiamo sfiorato la macchina di Vettel alla seconda curva, durante il giro non sentivo la macchina troppo male, anche dalla tv si vede che il danno non era grave; sapevamo che al terzo-quarto giro dovevamo cambiare gomme e se ci fermavamo due volte saremmo finiti ultimi. Purtroppo alcune circostanze sono andate male”.

Per lo spagnolo l’episodio è stato contraddistinto da tanta sfortuna: “L’alettone ha cominciato a toccare terra e al retilineo dopo e’ andato sotto la macchina – ha continuato – un peccato, un rischio che si e’ preso per non finire ultimi ma ci è andata male. A parte questo  è un dato di fatto che la sfortuna è stata terribile. Abbiamo solo sfiorato una macchina. Ora è  facile dire che dovevamo prendere una decisione diversa”.

Alonso pensa che la Ferrari avrebbe potuto giocarsi la vittoria: “Non penso che la Red Bull abbia impressionato molto in questo weekend, hanno sofferto, stare davanti con loro era perfettamente possibile, avremmo lottato per la vittoria”. Sulle polemiche interne tra i piloti Red Bull e Mercedes Alonso dice: “Quando succede qualcosa in Ferrari si scrivono pagine intere, mentre quando lo fanno gli altri no – dice Alonso – non c’è squadra al mondo più unita della Ferrari, è la prima cosa che il presidente ti dice quando entri dalla porta. Gli altri sono uniti solo a parole”. Tornando al suo contatto con Vettel: “Abbiamo fatto una buona partenza, alla seconda curva Vettel si  è fermato, andava a 10km/h, ed è stata una sorpresa vederlo cosi’ lento, quindi l’ho toccato con l’alettone”.