Frana a Ventotene, isolate 15 case e un hotel. Il Comune: “Nei prossimi giorni probabile un altro crollo”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Settembre 2020 14:16 | Ultimo aggiornamento: 22 Settembre 2020 14:18
Frana a Ventotene, isolate 15 case e un hotel. Il Comune: "Nei prossimi giorni probabile un altro crollo". Ecco il video

Frana a Ventotene, isolate 15 case e un hotel. Il Comune: “Nei prossimi giorni probabile un altro crollo”

Isolate 15 case e un hotel.

Frana a Ventotene. Ecco cosa è successo.

A Ventotene un costone di roccia è franato in località Moggio di terra, verso Punta dell’Arco.

E potrebbe non essere finita qui.

Il Comune, infatti,avverte che dalle osservazioni dei geologi ci si aspetta un altro crollo nei prossimi giorni.

Un crollo anche di maggiore consistenza rispetto a quello avvenuto nella giornata di ieri, 21 settembre.

La raccomandazione dunque è ad usare la massima prudenza.

“L’Isola è un territorio fragile e le falesie in questione lo sono visibilmente – spiega il Comune -.

Anche perché compromesse da prelievi di rocce avvenute nei tempi passati, prelievi che si sono rivelati pericolosi nel tempo.

Si sta alacremente lavorando in queste ore, per creare un accesso pubblico sicuro e alternativo, in quanto la zona è stata chiusa e interdetta alla circolazione”.

Frana a Ventotene, la nota del Comune

“Nella giornata di ieri – si legge ancora nella comunicazione via Facebook del Comune – anche il Sindaco è personalmente intervenuto sul posto per allontanare le barche ormeggiate sottocosta.

Continua anche il costante lavoro della Capitaneria di Porto che si è adoperata e si adopera per far allontanare e tenere lontante le imbarcazioni dalla zona.

Dalle osservazioni ci si aspetta un altro crollo nei prossimi giorni, anche di maggior consistenza rispetto a quello, già importante, avvenuto nella giornata odierna (ieri ndr). Usiamo la massima prudenza.

L’Isola è un terrirorio fragile e le falesie in questione lo sono visibilmente, compromesse anche da prelievi di rocce nei tempi passati che si sono rivelati pericolosi nel tempo.

Si sta alacremente lavorando in queste ore, per creare un accesso pubblico sicuro e alternativo, in quanto la zona è stata chiusa e interdetta alla circolazione”. (Fonti: YouTube, FanPage, Latina Today).