Gianroberto Casaleggio a Cernobbio: “Espongo idee M5s, vincerà il web” (video)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 settembre 2013 9:49 | Ultimo aggiornamento: 8 settembre 2013 9:56
Gianroberto Casaleggio a Cernobbio: "Espongo le idee M5s" (video)

Gianroberto Casaleggio (Foto LaPresse)

CERNOBBIO – “Sono qui per esporre le idee del movimento e il web vincerà“. Gianroberto Casaleggio, fondatore del Movimento 5 stelle, lo ha detto al suo arrivo a Cernobbio, dove prenderà parte al Forum Ambrosetti e parlerà di nuovi media e della politica del futuro.

Prima il no assoluto di Casaleggio a foto e immagini per i fotografi, nemmeno il giro di tavolo consueto concesso prima di una riunione a porte chiuse. Poi il contrordine:  dopo le vivaci proteste dei fotografi, l’accesso alla sala del Forum Ambrosetti dove ha appena parlato Gianroberto Casaleggio viene aperto, per un giro di tavolo.

Il ‘guru’ del M5S, che in un primo momento aveva chiesto di vietare le foto in sala, viene immortalato al tavolo dei relatori. Poco distante il premier Enrico Letta e l’ex premier Mario Monti.

Ai cronisti che al suo arrivo gli hanno chiesto il perché del suo intervento, soprattutto a porte chiuse, a Cernobbi, Casaleggio ha risposto: “Sono qui per esporre le idee del movimento e per spiegare le evoluzioni delle reti e della politica”.

Poi le foto vietate, nonostante  in genere anche se le sessioni sono a porte chiuse, fotografi e telecamere possono fare un breve ‘giro di tavolo’. Una decisione, quella del fondatore M5s, che ha suscitato le proteste dei fotografi e degli operatori presenti.

Unico mezzo per conoscere le parole di Casaleggio a Cernobbio sono i cinguettii su Twitter dei presenti in sala conferenze. Casaleggio avrebbe detto che “internet non è solo un altro media, è un processo di trasformazione” e aggiunge che siamo a un ”tipping point”, dunque un punto critico, di non ritorno. E infatti negli Stati Uniti il tempo medio passato su internet ha superato quello trascorso davanti alla tv.

Secondo Casaleggio, ”giornali e tv – riportano tweet di persone presenti – sono lo strumento del potere, ma per fortuna declinano davanti al web”.