Giappone, il tifone Jebi si abbatte su Osaka: tetti divelti, un morto e 5 feriti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 settembre 2018 15:30 | Ultimo aggiornamento: 4 settembre 2018 15:30
Tifone Jebi in Giappone distrugge tetti e provoca morti e feriti

Giappone, il tifone Jebi si abbatte su Osaka: tetti divelti, un morto e 5 feriti

TOKYO  – Tetti che vengono spazzati via e divelti come fossero di cartone. I video del tifone Jebi che si è abbattuto sulle coste di Osaka in Giappone sono spaventosi. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] I venti con raffiche fino a 210 chilometri orari stanno provocando non solo danni, ma anche vittime, con il tifone che è il più potente che si sia abbattuto sul Giappone negli ultimi 25 anni. Il bilancio provvisorio al momento è di un morto e 5 feriti.

Dopo aver attraversato la prefettura di Tokushima, sul versante meridionale dell’isola di Shikoku, il tifone ha costeggiato la città di Kobe per poi dirigersi verso il mare del Giappone, ha reso noto l’Agenzia nazionale meteorologica. Diverse persone sono rimaste ferite nella stazione di Kyoto, quando un soffitto di vetro si è infranto a causa delle forti raffiche di vento, mentre nella baia di Osaka una petroliera con 11 persone a bordo ha urtato il ponte che collega il futuristico aeroporto del Kansai alla città di Izumisano, danneggiando l’imbarcazione ma senza provocare feriti. La pista di decollo dell’aeroporto risulta allagata, riferiscono le autorità, assieme ai piani sotterranei di uno dei terminali.

L’arrivo del tifone ha costretto le principali aerolinee a cancellare oltre 700 voli, in partenza o diretti sugli aeroporti sul versante centro-occidentale dell’arcipelago. Interrotti anche diversi servizi ferroviari, inclusa la tratta dello Shinkansen – il treno superveloce – e numerosi nodi autostradali. La casa auto Toyota ha sospeso i turni notturni in 14 stabilimenti delle prefetture di Aichi, Fukuoka e Miyagi.

5 x 1000

Chiusi anche i principali centri commerciali nelle aree metropolitane di Osaka e Kyoto, e la municipalità di Nagoya ha deciso il divieto alle visite al principale castello della città. L’agenzia meteorologica prevede che il tifone prosegua il tragitto fino all’isola dell’Hokkaido occidentale, prima di perdere intensità e trasformarsi in un ciclone tropicale.