Gilet gialli assaltano Apple Store a Bordeaux VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 11 dicembre 2018 13:25 | Ultimo aggiornamento: 11 dicembre 2018 13:30
Gilet gialli apple store

Gilet gialli assaltano Apple Store a Bordeaux

BORDEAUX – Sabato 8 dicembre, durante la manifestazione di protesta a Bordeaux dei gilet gialli, un gruppetto di manifestanti riesce ad entrare all’interno dell’Apple store.

Pochi secondi dopo, dai banconi spariscono dai tavoli iPhone, iPad, Apple Watch e Mac mentre l’allarme del negozio continua a suonare senza sosta. Il furto dei prodotti Apple risulta essere però totalmente inutile: tutti gli apparecchi rubati non potranno essere utilizzati o rivenduti dato che sono stati disattivati da remoto. 

Pochi giorni fa erano stati saccheggiati anche gli Apple Store Opéra a Parigi e quello degli Champs-Elysées inaugurato da poco tempo. 

La protesta dei gilet gialli, intanto, continuerà anche in futuro. Le misure annunciate dal presidente Emmanuel Macron hanno causato una spaccatura tra radicali e moderati all’interno del movimento. La maggior parte dei manifestanti si dice infatti “molto delusa” e pronta a “portare avanti la protesta”. Ma per l’ala più moderata che appare ormai in minoranza, il discorso di Macron ha invece segnato “passi avanti”, “un inizio di comprensione”, “una volontà di uscire dalla crisi”.

Per i più arrabbiati invece l’aumento di 100 euro dello stipendio minimo e altri provvedimenti rappresentano soltanto delle “briciole” che non rispondono alle aspettative. Non appena concluso il discorso di Macron, Eric Drouet, uno dei portavoce più agguerriti del movimento, ha invitato i ‘compagni’ a mantenere alta la pressione su “quest’uomo che ci disprezza sin dall’inizio, ci ha ignorati per cinque settimane”, dando loro appuntamento a sabato prossimo.

Molto deluso anche il fondatore dei ‘gilet gialli liberi’, il moderato Benjamin Cauchy, che bolla gli annunci fatti da Macron di “briciole (“mesurettes”) che non cambieranno minimamente l’indirizzo politico di Macron, rimasto inflessibile ad esempio sulla tassa patrimoniale”.

Il presidente viene criticato per aver tutelato ancora una volta i ricchi e per non aver dato segnali di apertura alla consultazione popolare, rivendicata a gran voce dai manifestanti. 

Su twitter il video dell’assalto all’Apple Store di Bordeaux.