Hong Kong, picchia il dipendente del McDonald’s che gli dice di mettere la mascherina VIDEO

di Lorenzo Briotti
Pubblicato il 16 Luglio 2020 15:55 | Ultimo aggiornamento: 16 Luglio 2020 16:17
mcdonald's, picchia il commesso

Hong Kong, picchia il dipendente del McDonald’s che gli dice di mettere la mascherina

Hong Kong, un ragazzo entra in un McDonald’s senza mascherina. Un impiegato glielo fa notare e viene selvaggiamente picchiato dal cliente.

Hong Kong, il ragazzo, un 27enne di nome Zhang, ora è ricercato e rischia una pesante condanna. 

L’incidente è accaduto martedì 14 luglio, pochi giorno dopo che Hong Kong ha inasprito le misure per contrastare il coronavirus tornato prepotentemente a colpire in città.

Il 27enne prende a pugni Luo, un dipendente della catena di fast food, e lo fa finire in ospedale per via di diverse ferite al viso.

Il 27enne entra nel ristorante insieme ad una ragazza anch’essa senza protezione.

Dopo essere richiamato, perde la testa e salta sul balcone.

Una volta a tu per tu con Luo inizia a picchiare duro dicendo: “Ora chiama la Polizia se vuoi“.

La coppia lascia poi in fretta il McDonald’s e sale a bordo di un furgone che li attende in strada. 

La Polizia è riuscita in poco tempo a risalire all’autista del furgone che non è stato denunciato ed è ancora in cerca del 27enne che ora rischia una dura condanna. 

McDonald’s Cina: “Collaboriamo con la Polizia”

La succursale cinese di McDonald’s che dal 2007 ha come azionista di maggioranza lo Stato, a proposito dell’accaduto ha dichiarato:

“McDonald’s collaborerà pienamente con la Polizia per le indagini”.

“Siamo fortemente impegnati nella sicurezza dei nostri clienti e dipendenti e continueremo a operare in conformità con le misure anti-pandemia del governo di Hong Kong, incluso il rifiuto di servire chi ha la febbre e chi non indossa una maschera” (fonte: Daily Mail, YouTube).