Incendio Roma nella ex fabbrica di penicillina di Via Tiburtina, nube tossica su San Basilio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Settembre 2021 8:05 | Ultimo aggiornamento: 14 Settembre 2021 8:05
Incendio Roma nella ex fabbrica di Penicillina di Via Tiburtina, nube tossica su San Basilio

Incendio Roma nella ex fabbrica di Penicillina di Via Tiburtina, nube tossica su San Basilio

Un grande incendio lunedì sera a Roma, nella ex fabbrica di penicillina di Via Tiburtina, a San Basilio, uno stabile da tempo in abbandono, divenuto rifugio di migranti e senzatetto. L’edificio in passato era stato sgombrato ma all’interno si trovava però almeno un cittadino di origine nigeriana, rimasto ustionato a una gamba.

L’incendio a Roma e la nube tossica

L’incendio è stato spento dai vigili del fuoco, dopo diverse ore di lavoro. Ancora ignote le cause dell’incendio, che non si esclude possa essere stato provocato da un fornelletto usato dai clochard. Preoccupazione nel quartiere, per le sostanze nocive che ancora potrebbero trovarsi nella struttura non bonificata. E infatti è scattata per qualche ora l’allerta nube tossica in zona San Basilio.

“Come si può vedere – denunciava in un video pubblicato su Facebook Michelangelo Giglio, attivista dell’Asia Usb di Roma -, la nuvola tossica si sta alzando. All’interno ancora ci sono fiamme. Queste sono le forze dell’ordine con i pompieri, sono intervenuti anche le squadre speciali per i fumi tossici. Speriamo che qualcuno si alzi da qualche poltrona e faccia qualcosa”

Un gruppo di attivisti di Potere al Popolo impegnati nella campagna elettorale per l’elezione del nuovo sindaco ha lanciato l’allarme. Ricordando di aver sollecitato pochi giorni fa il sequestro e la bonifica della struttura. A loro dire conterrebbe amianto e rifiuti tossici, “una bomba ecologica sugli abitanti di tutta Roma est”.