Joana Sainz, popstar spagnola, uccisa da un fuoco d’artificio durante un concerto

di redazione Blitz
Pubblicato il 2 Settembre 2019 14:24 | Ultimo aggiornamento: 2 Settembre 2019 14:24
Il concerto di Joana Sainz

Il concerto in cui è morta Joana Sainz

MADRID – Uccisa durante il concerto, davanti al pubblico, da un fuoco d’artificio. E’ morta così Joana Sainz Garcia, popstar e ballerina spagnola di 30 anni. 

La sera di domenica primo settembre si stava esibendo davanti ad un migliaio di persone con la Super Hollywood Orchestra in occasione della serata di chiusura di una festa nella città di Las Berlanas, vicino a Madrid, quando una cartuccia per le scintille l’ha colpita allo stomaco.

La ragazza ha perso i sensi subito. Un medico accorso dalla folla ha cercato di rianimarla, ma è stato tutto inutile. La giovane cantante è stata trasportata d’urgenza all’ospedale Nuestra Señora de Sonsoles di Avila, ma i sanitari non hanno potuto far altro che dichiararne il decesso.

Sul web sono stati diffusi alcuni filmati che mostrano la popstar accasciarsi sul palco dopo essere stata colpita dal fuoco d’artificio. Alcuni testimoni sostengono che ci sia stato un boato pochi secondi dopo la tragedia.

Isidro Lopez, dell’agenzia Prones 1SL che ha organizzato la serata, ha dichiarato che le cartucce esplose fanno parte dello spettacolo del gruppo da cinque o sei anni e sono progettate per bruciare nel giro per 15-20 secondi. Su quanto accaduto è stata aperta un’inchiesta. 

Fonti: Bbc, El Diario Montanes