La Spezia, tromba d’aria: container vuoti finiscono in mare VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 29 ottobre 2018 11:42 | Ultimo aggiornamento: 29 ottobre 2018 11:45
La Spezia container in mare

La Spezia, tromba d’aria: al porto, container vuoti finiscono in mare

LA SPEZIA – La tromba d’aria che ha colpito La Spezia ha creato seri problemi al terminal La Spezia Container. Le operazioni in porto sono ferme: come documenta il video Facebook che segue, il vento ha fatto cadere in mare alcuni container vuoti. 

Tromba d’aria, grandine, pioggia torrenziale e mareggiata hanno colpito la città ligure, con treni fermi dalle 9.30 per detriti che sono caduti sui binari. Allagamenti in molti Comuni della provincia. A Monterosso, alla Cinque Terre, i sottopassi sono allagati. Il sindaco Emanuele Moggia ha ordinato l’evacuazione di abitazioni e negozi ai piani terra e seminterrati del centro storico: i rivi sono al massimo della capienza. Monterosso è uno dei Comuni alluvionati nel 2011, quando alle Cinque Terre ci furono diversi morti.

 A causa dei problemi sulla linea ferroviaria un Intercity diretto alla Spezia è stato bloccato nella stazione di Genova Brignole. I treni hanno accumulato ritardi fino a due ore, ma dalle 10.45 la circolazione sta riprendendo.

Nelle vicine province di Genova e Savona, sono invece trascorse senza creare criticità particolari le prime ore di allerta rossa. L’allerta rossa è scattata la mattina di oggi, lunedì 29 ottobre, alle 6, dopo una notte in allerta arancione, ed andrà avanti fino alle 18, mentre nella provincia della Spezia l’allarme rosso sarà dalle 12 alle 24. Nell’Imperiese l’allerta è arancione fino alle 15.

Scuole chiuse in quasi tutti i Comuni. A Genova chiuse anche cimiteri, parchi accessi alle passeggiate a mare, biblioteche. Sospese tutte le attività all’aperto. Ci sono stati alcuni smottamenti e allagamenti di box e scantinati per l’esondazione di alcuni piccoli rivi. E’ avvenuto a Busalla con il rio Chiappa e a Sori con l’omonimo corso d’acqua. Uno smottamento a Borzoli e la frana di un muro di contenimento a Voltri. Cinque famiglie sono isolate a Davagna. Il livello dei torrenti maggiori ora non preoccupa. C’è apprensione per mareggiate e venti forti in serata e per la quantità di pioggia che cadrà su terreni già intrisi d’acqua e che farà innalzare rapidamente i torrenti e potrà causare frane.