Lione-Juve, Sarri: “In Italia ci sarebbero stati due rigori per noi” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 Febbraio 2020 9:45 | Ultimo aggiornamento: 27 Febbraio 2020 9:45
lione juve sarri

Lione-Juve, Sarri: “In Italia ci sarebbero stati due rigori per noi”

ROMA – “In Italia ci sarebbero stati due rigori per noi, su Ronaldo e su Dybala. In Europa c’è un metro diverso e dobbiamo adeguarci“. Lo ha detto Maurizio Sarri nel dopo-partita di Lione-Juventus di Champions League, rispondendo a una domanda sulle decisioni dell’arbitro spagnolo Gil Manzano.

La Juventus ha giocato male ed è caduta a sorpresa, perdendo 1-0 sul campo del Lione guidato dall’ex romanista Rudy Garcia. Dybala e Cristiano Ronaldo hanno però protestato nei confronti dell’arbitro per i due presunti rigori. In uno Dybala ha controllato palla spalle alle porta e dopo un tocco leggero di un avversario si è lasciato cadere a terra. L’arbitro non ha assegnato il calcio di rigore alla Juventus.

In un’altra azione d’attacco della Juventus, Cristiano Ronaldo ha preso il tempo all’avversario e ha cercato il gol di testa ma il portoghese è stato sbilanciato da dietro e non è riuscito a segnare. Anche in questo caso, per l’arbitro non ci sono gli estremi del calcio di rigore. 

Sarri, a proposito della partita ha aggiunto: “Abbiamo approcciato la partita sotto ritmo in fase offensiva, muovendo la palla molto lentamente, con scadente livello di aggressività. Solito approccio che purtroppo ogni tanto ci succede, senza venire a capo delle motivazioni”.

A proposito del gioco della Juve, Sarri ha spiegato ancora: “Stasera escluso dieci minuti non abbiamo neanche concesso tantissimo agli avversari, è che poi nella fase offensiva abbiamo fatto poco per un ottavo di finale di Champions”. 

Fonte: Ansa