YOUTUBE Londra: polizia interviene per sventare rapina, 100 giovani lanciano oggetti agli agenti

di Lorenzo Briotti
Pubblicato il 18 Giugno 2019 16:06 | Ultimo aggiornamento: 18 Giugno 2019 16:06
londra oggetti polizia centro commerciale

Londra: polizia interviene per sventare rapina, 100 giovani lanciano oggetti agli agenti

LONDRA – Una folla di circa 100 giovani ha lanciato bottiglie ed altri oggetti contro la polizia intervenuta in un centro commerciale dove poco prima era avvenuta una rapina. E’ accaduto sabato 15 giugno a Londra nei pressi della stazione degli autobus del centro commerciale di Westfield a Straford, zona est della capitale britannica.

Quattro gli agenti rimasti feriti dai giovani che hanno lanciato loro oggetti ed inseguendo gli agenti impegnati nel controllo. Il tutto è avvenuto in mezzo a decine di persone che, prese dal panico, si sono messe ad urlare terrorizzate. Una donna è anche caduta dalle scale ed ha riportato delle ferite.

 Il caos è scoppiato alle otto di sera al termine di un evento che si era svolto nelle vicinanze: gli agenti sono stati attaccati dalla folla ed hanno reagito arrestando tre persone con l’accusa di rapina e possesso di arma da offesa. Tra le armi rinvenute un grosso coltello da caccia.

Londra violenta: tre morti nel weekend, 11 persone arrestate

Quanto accaduto è stato l’epilogo di un fine settimana violento segnato dalla morte di tre persone decedute a seguito delle coltellate ricevute in varie liti violente. Uno di loro si chiamava Cheyon Evans ed aveva 18 anni. Il ragazzo è stato pugnalato a morte a Tooting, nel sud-ovest di Londra alle 16.42 di venerdì. Testimoni hanno raccontato che è stato pugnalato a morte 17 volte. Appena 12 minuti dopo, è stata la volta di Eniola Aluko, un 19enne di origini nigeriane colpito a morte a Plumstead nel sud-est di Londra da diverse coltellate al petto e al collo. A seguito di queste due aggressioni sono stati fermati ed arrestati quattro ragazzi con età compresa tra i 16 e i 18 anni ed una ragazza di 17 anni anch’essa sospettata di aver commesso uno degli omicidi. 

Alle 14,00 di sabato 14 giugno, ad essere stato pugnalato a morte è stato invece un uomo sulla trentina. L’aggressione è avvenuta in un campo vicino a un asilo infantile a Tower Hamlets a est di Londra. In questo caso, a finire agli arresti sono stati due uomini: un 28enne e un 33enne. Sempre sabato, a finire accoltellato è stato anche un uomo sulla quarantina. In questo caso però, l’uomo è stato portato in ospedale in condizioni critiche ma stabili.  

Alle 15:30 di sabato, gli agenti sono stati chiamati a Edmonton Green nel nord di Londra dopo che un altro uomo sulla quarantina era stato accoltellato al petto. E ancora: tra Clapham e Brixton, nel sud-ovest della città, sempre sabato mattina si sono verificati altri attacchi. In tutto, a finire in manette a Londra sono stati in undici, in un fine settimana decisamente da dimenticare sotto al piano dell’ordine pubblico e della sicurezza.  

 

Fonte: Daily Mail