YOUTUBE Malta, arcivescovo trova whiskey al posto del vino: messa sospesa

di Lorenzo Briotti
Pubblicato il 3 aprile 2019 14:14 | Ultimo aggiornamento: 3 aprile 2019 14:14
malta arcivescovo whisky messa

Malta, arcivescovo trova whisky al posto del vino durante la messa

ROMA – Nella concattedrale di San Giovanni a Malta, domenica 31 marzo, si sta svolgendo la messa. L’arcivescovo Charles Scicluna beve dal calice e trova del whiskey al posto del vino. Come mostra il video che segue, la sua faccia mostra un certo imbarazzo. La messa, a quel punto è stata sospesa in attesa che venisse risolto il mistero.

Si potrebbe pensare che il sacerdote sia rimasto vittima di un miracolo, come ha scritto il sito “Livin Malta”, o di uno scherzo, come se qualcuno abbia voluto anticipare un pesce d’aprile. In realtà, si è poi scoperto che si è trattato di uno sbaglio.

Dopo qualche istante, il calice che è stato assaggiato anche dal sacrestano ed è stato poi cambiato e la celebrazione è proseguita. Il sacrestano si è poi scusato su Facebook spiegando che uno dei volontari che stava preparando l’occorrente per la messa ed ha sbagliato bottiglia. La versione è stata confermata anche da un portavoce della curia che ha parlato di “uno sfortunato sbaglio dei sacrestani”.

Perché, durante la messa, il sacerdote versa del vino nel calice per poi berlo? Nel cristianesimo, durante l’Ultima Cena, Gesù istituisce l’Eucaristia, come scritto nel Vangelo secondo Matteo (26, 27-28): “Poi prese il calice e, dopo aver reso grazie, lo diede loro dicendo: ‘Bevetene tutti, perché questo è il mio sangue dell’alleanza, versato per molti, in remissione dei peccati”‘.

In queste parole è racchiuso il significato del gesto che compie il sacerdote durante la messa: versare vino nel calice e berlo. Una volta consacrato dal sacerdote quel vino non “rappresenta” il sangue di Cristo, bensì “è” il sangue di Cristo  versato sulla Croce. Allo stesso modo,  il pane non rappresenta il corpo, ma “è” il corpo di Cristi. Questo è quanto dice il dogma della transustanziazione che, come scrive san Tommaso d’Aquino, rappresenta “un dogma è dato ai cristiani: il pane si trasforma in carne e il vino in sangue”.

Fonte: Times of Malta