Maltempo Piemonte: esondano laghi Maggiore e Orta, Po in piena FOTO, VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 12 novembre 2014 0:01 | Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2014 16:52

TORINO – Oltre 48 ore di piogge hanno fatto esondare i principali laghi del Piemonte, il Maggiore e l’Orta. Su due ampie aree della regione, a nord da Biella a Verbano-Cusio-Ossola ed a sud ai confini con la Liguria, l’allerta resterà di grado 2, una situazione di “moderata criticità”, almeno fino a mercoledì mattina.

Molte stazioni della rete meteo dell’Arpa hanno misurato oltre 100 mm di pioggia, oltre 200 in tre giorni e non è ancora finita.

Scuole chiuse anche mercoledì in alcuni Comuni del Vco e della provincia di Alessandria. Non si sono verificate, almeno per ora, situazioni di gravi crisi, ma la Protezione civile regionale rinnova l’invito a limitare gli spostamenti in occasione dei temporali e ad evitare di fermarsi lungo il corso dei fiumi.

Poteva causare una strage la frana che in serata si è abbattuta su quattro auto a Carpugnano, lungo l’autostrada A26 in provincia di Verbania. Due vetture sono andate completamente distrutte, ma i loro occupanti se la sono cavata con lievi ferite.

Non preoccupano i principali corsi d’acqua, ma mercoledì nel tratto piemontese transiterà una nuova piena del Po.

Nella notte tra mercoledì e giovedì il lago Maggiore arriverà al livello massimo: all’idrometro di Verbania toccherà i 6,3-6,5 metri. Già martedì mattina era arrivato a 5,5 metri, allagando la passeggiata e la piazza davanti al Municipio.

E’ esondato anche il lago d’Orta: invase dall’acqua a Omegna (Vco) i parcheggi e la piazza davanti all’ospedale. Nella stessa provincia chiusa per strada provinciale della valle Strona.

Nel Biellese evacuata in una frazione una famiglia con una bambina; apprensione a Pray, dove il livello del torrente Sessera è cresciuto a livelli di guardia. Nell’alessandrino preoccupa il torrente Grue, che in alcuni punti è uscito dagli argini, allagando campi e strade.

Esondato per la quarta volta in un mese anche il rio Lavassina, sono numerose le strade chiuse per il rischio frane. Nell’Ovadese in un’ora sono caduti tra i 50 ed i 70 mm di pioggia. I temporali sono stati intensi, ma non si formate ‘bombe d’acqua’ in una zona già colpita da altre due ondante di maltempo in meno di un mese.

Gli effetti del maltempo si sono sentiti anche nell’Astigiano, dove una frana si à abbattuta sulla provinciale di Canelli, chiusa al traffico. Paura tra Strambino e Caluso (Torino) per la caduta di un albero sulla provinciale.

Nessun problema a Torino: nel capoluogo piove da quasi 60 ore, ma l’intensità non è mai stata troppo forte. La neve è caduta solo oltre i duemila metri, ma domani la quota dovrebbe abbassarsi lievemente. Mercoledì continuerà a piovere, miglioramento solo giovedì.

Foto Ansa del Lago Maggiore. Le l’esondazione del Lago Orta clicca qui

VIDEO – Il Lago Maggiore esonda a Pallanza (Verbania)