Maltempo Romagna, tracima la diga di Ridracoli: la spettacolare cascata di 100 metri

di redazione Blitz
Pubblicato il 14 maggio 2019 10:12 | Ultimo aggiornamento: 14 maggio 2019 10:12
Maltempo Romagna, tracima la diga di Ridracoli: la spettacolare cascata di 100 metri

Maltempo Romagna, tracima la diga di Ridracoli: la spettacolare cascata di 100 metri

FORLI- Una tuonante cascata alta oltre cento metri. Accade a Ridracoli, frazione del comune di Bagno di Romagna, dove le incessanti piogge delle ultime 48 ore hanno fatto tracimare la diga, che forma l’omonimo lago. L’invaso artificiale alle spalle della grande muraglia della diga è, dopo mesi di forte siccità, completamente pieno, con circa 35 milioni di metri cubi d’acqua immagazzinati. 

L’acqua in eccesso del lago di Ridracoli (Forlì) non può perciò essere trattenuta e, superata la diga, precipita a valle nel fiume Bidente dalle apposite paratie creando lo spettacolare fenomeno che, ogni volta, attira numerosi visitatori.

L’Emilia Romagna è la regione più colpita in queste ore dalla forte ondata di maltempo che imperversa sull’Italia. Le situazioni più critiche si registrano nella provincia di Modena, con ponti chiusi e case sgomberate, per la piena del Secchia, e nella provincia di Cesena dove l’esondazione del Savio ha portato alla chiusura di un ponte ferroviario che ha causato l’interruzione dei treni tra Faenza e Cesena sulla linea Bologna-Rimini per quasi 12 ore.

In provincia di Forlì ha ceduto un argine del fiume Montone nei pressi del ponte sull’A14. La Protezione civile è al lavoro per evitare che l’acqua raggiunga il paese di Villafranca, 3.000 abitanti. A Ponte Verucchio (Rimini) ha ceduto la briglia sul Marecchia del Consorzio di bonifica Romagna. A Ravenna la piena del Senio va verso il record storico di 15 metri a Cotignola.

L’allerta meteo è stata elevata a rossa, fino a tutta la giornata di martedì, proprio per il transito delle piene. Sorvegliati speciali restano i fiumi Secchia, Panaro, gli affluenti del Reno e i corsi d’acqua romagnoli. Sulla costa attese raffiche di bora fino a 90 km orari. In campo a Modena anche l’esercito e in tutta la regione dalla notte scorsa sono al lavoro circa 200 volontari oltre a Vigili del fuoco, forze dell’ordine, protezione civile e Aipo. (Fonte: Ansa)