Milano, la fila infinita di nuovi poveri al Pane quotidiano: 4 mila in coda per un pacco di Natale

di redazione Blitz
Pubblicato il 16 Dicembre 2020 11:53 | Ultimo aggiornamento: 16 Dicembre 2020 11:53
Milano, la fila infinita di nuovi poveri al Pane quotidiano: 4 mila in coda per un pacco di Natale

Milano, la fila infinita di nuovi poveri al Pane quotidiano: 4 mila in coda per un pacco di Natale

Una fila sterminata di quasi 4 mila persone, ma stavolta non c’entra nulla lo shopping natalizio. Accade a Milano, dinanzi ai cancelli del Pane Quotidiano, onlus che da 120 anni distribuisce un pasto caldo a chi ne ha bisogno. 

Anche qui, nel weekend, si sono assembrati migliaia di nuovi poveri. C’erano anziani, disoccupati, giovani, clochard, ex muratori, ex camionisti, pensionati ridotti in miseria che attendevano in coda per accaparrarsi un pacco di Natale.

Qualcuno ha filmato il lungo serpentone che si snodava da viale Toscana costeggiando l’università Bocconi, e lo ha postato su Twitter. Immagini che hanno fatto impressione anche agli stessi volontari del Pane Quotidiano. 

“Fa impressione, quel video effettivamente fa impressione anche a noi”, dice il presidente Pier Maria Ferrario. Sabato, spiega al Corriere della Sera, nel centro di viale Toscana sono stati distribuiti 1.700 pasti e lo stesso, o forse di più, è stato fatto nel centro di viale Monza.

“È così tutti i giorni – aggiunge – i nuovi poveri stanno aumentando, c’è qualcosa che proprio non funziona. Abbiamo una grande fortuna noi, decine e decine di aziende ci aiutano con prodotti di primissima qualità. Dopo 120 anni c’è molta fiducia in noi. Abbiamo roba per tutti. L’unico problema – ha concluso – è che non abbiamo sovvenzioni pubbliche. Ma per ora reggiamo”. (Fonte: Corriere, Twitter).