Miss America, la concorrente Allyn Rose: “Mi opero ai seni per salvarmi la vita”

Pubblicato il 12 Gennaio 2013 8:46 | Ultimo aggiornamento: 12 Gennaio 2013 9:01
Allyn Rose

Allyn Rose

NEW YORK- E’ un’edizione fuori dall’ordinario quella che si terrà oggi 12 gennaio a Las Vegas: tra le concorrenti quest’anno c’è una ragazza che ha raccontato che si sottoporrà si sottoporrà a una doppia mastectomia preventiva in modo da prevenire un possibile tumore alla mammella. Oltre a lei, quest’anno ci sarà per la prima volta in 92 anni anche.

Allyn Rose, la biondissima Miss Distretto di Columbia, ha deciso che dopo le sfilate in bikini si sottoporrà a una doppia mastectomia preventiva. Per Allyn, 24 anni e una quasi laurea in scienze politiche all’università del Maryland, l’operazione per l’asportazione di entrambi i seni è una scelta quasi obbligata: il cancro al seno ha ucciso sua madre, la nonna e una sorella della nonna. ”Mia mamma avrebbe sacrificato ogni parte del suo corpo per vedermi su questa passerella”, ha detto la ragazza durante le prove al Planet Hollywood, uno dei casinò-hotel sulla Strip.  ”Io voglio vivere, anche a costo di soffrire, anche a costo di danneggiare la mia bellezza fisica” – spiega Allyn. Se verrà eletta in un concorso le cui concorrenti a volte si sottopongono al bisturi per ragioni puramente estetiche, Allyn diventerà la prima Miss America priva della classica silhouette alla Barbie associata con le reginette di bellezza. L’agenda che porta con sé sulle passerelle di Las Vegas è dunque quella legata a una maggior consapevolezza per la malattia che ha falciato gran parte della sua famiglia.

Oltre a lei, in gara quest’anno ci sarà anche la prima ragazza autistica.  Si tratta di Alexis Wineman, Miss Montana: l’autismo è stato diagnosticato per la prima volta a undici anni e la ragazza, che si è iscritta al concorso per pagarsi gli studi all’università, ha fatto della sua condizione un messaggio: ”La gente è convinta che siamo malati mentali, che non possiamo funzionare nella società. Io voglio dimostrare che le persone che vivono con l’autismo sono diverse le une dall’altre: alcune in grado di interagire bene con il prossimo, altre che restano ai margini”.

A seguire un video intervista di Allyn Rose: