MotoGp Malesia, Valentino Rossi cade a 4 giri dal traguardo VIDEO: vince Marquez, poi Rins e Zarco

di redazione Blitz
Pubblicato il 4 novembre 2018 12:00 | Ultimo aggiornamento: 4 novembre 2018 12:23
Valentino Rossi  Moto Gp Malesia

MotoGp Malesia, Rossi cade a 4 giri dal traguardo

ROMA  – Valentino Rossi, dopo una gara dominata, a quattro giri dal traguardo di Sepang perde il posteriore della Yamaha ed incappa in una scivolata che consegna a Marc Marquez la nona vittoria del 2018, la 70esima in carriera. Ed alla Honda il 24esimo titolo costruttori.

Valentino Rossi ha raccontato così la sua caduta, visibile in fondo all’articolo: “Mi sentivo a mio agio, avevo un buon passo. Stavo spingendo per fargliela sudare a Marquez fino alla fine. Ero piegato ed appena ho dato gas il dietro è partito”. Così sul podio con lo spagnolo sono saliti Alex Rins e Johann Zarco, seguiti da Vinales, il redivivo Pedrosa e Dovizioso.

Marquez non si è scomposto per quella pole toltagli per aver ostacolato Iannone in qualifica. Il via dalla settima casella – su una pista che offre occasioni di sorpasso – non lo ha messo in imbarazzato. Poche curve per recuperare, con un rischio corso al primo giro quando ha perso per un attimo il posteriore, ‘spaventando’ Iannone che è caduto, lui sì.

E’ stata la vittoria del cuore – ha commentato – La gomma posteriore a metà gara ha cominciato a surriscaldarsi. Allora ho dovuto rallentare un po’. Nel finale, quando ho visto che stavo recuperando su Valentino, l’energia è tornata. Peccato perché sarebbe stato bello vedere come finiva il duello”.

“Deluso” Dovizioso: “Non sono riuscito a fare la gara che mi aspettavo ed ho sofferto molto per la mancanza di grip. Alla fine, grazie all’errore di Rossi, siamo riusciti a portare a casa il secondo posto sia nel mondiale piloti che in quello costruttori. Sono contento di questo risultato, ma quest’anno non siamo riusciti a contrastare veramente Marquez”. Sepang ha consegnato anche il titolo Moto3, allo spagnolo Jorge Martin, vincitore della gara. Alle sue spalle in classifica iridata sgomitano quattro piloti italiani.