Muro al confine Usa-Messico: decine di migranti valicano frontiera, lacrimogeni e 42 arresti VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 26 novembre 2018 16:02 | Ultimo aggiornamento: 26 novembre 2018 16:02
Muro al confine Usa-Messico: decine di migranti valicano frontiera, lacrimogeni e 42 arresti 1

Muro al confine Usa-Messico: decine di migranti valicano frontiera, lacrimogeni e 42 arresti

SAN YSIDRO – Gli agenti di frontiera americana, domenica 25 novembre hanno arrestato 42 persone della carovana di migranti partiti dall’America centrale e che sono riusciti a valicare il confine del Messico con gli Stati Uniti. A riferirlo alla Cnn è il capo della polizia di frontiera Rodney Scott.

“Quarantadue persone hanno attraversato il confine e sono state arrestate – ha detto Scott – per essere franchi, ci sono state numerose persone che in realtà sono riuscite a passare il confine”. Le persone arrestate facevano parte del gruppo di migranti, respinti con lacrimogeni e proiettili di gomma mentre tentavano di attraversare il confine con gli Stati Uniti.

 Il presidente americano, Donald Trump, ha intanto minacciato di chiudere il confine con il Messico in modo permanente se ci sarà bisogno, dopo che i migranti avevano cercato di attraversare la recinzione, costringendo le autorità americane a chiudere per alcune ore il valico di San Ysidro, che collega San Diego con Tijuana. 

Trump ha spiegato: “Il Messico dovrebbe riportare i migranti – molti dei quali sono criminali – nei loro Paesi d’origine. Usate aerei, bus, quello che volete ma loro non entreranno negli Usa”, ha assicurato l’inquilino della Casa Bianca, minacciando di chiudere “il confine in modo permanente se sarà  necessario”. Trump, infine, è tornato a esortare il Congresso a “finanziare il muro” di divisione con il Messico, da sempre il suo cavallo di battaglia per bloccare i migranti che vogliono entrare illegalmente negli Usa.

E sempre in queste ore, Donald Trump lancia un monito al Messico: rispedisca a casa i migranti al confine con gli Usa. “Dovrebbero rimpatriare nei loro Paesi quei migranti che sventolano le bandiere – scrive su Twitter – molti dei quali sono spietati criminali. Lo facciano con gli aerei, con i bus o come vogliono, ma quelle persine non entreranno mai negli Stati Uniti”.