YOUTUBE New York: “Sei andato a letto con la moglie di uno di noi”, e lo uccidono col machete. Ma non era lui

di redazione Blitz
Pubblicato il 25 giugno 2018 12:58 | Ultimo aggiornamento: 25 giugno 2018 13:00
New York ucciso col machete

New York: “Sei andato a letto con la moglie di uno di noi”, e lo uccidono col machete. Ma non era lui

NEW YORK – Lesandro Guzman-Feliz è stato brutalmente ucciso per strada dopo essere stato scambiato per il protagonista di un video a luci rosse, girato con una parente [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] di un membro di una banda di portoricani.

I fatti sono avvenuti mercoledì scorso nel Bronx a New York: Leasandro viene trascinato fuori da un negozio vicino casa sua e viene percosso e accoltellato da cinque ragazzi tra cui uno di loro armato di machete.

Una telecamera di sorveglianza ha ripreso la scena: il 15enne, dopo l’aggressione, si è trascinato verso il St. Barnabas Hospital che si trova a soli 200 metri dal luogo dell’aggressione ma non è riuscito nemmeno a raggiungere il pronto soccorso morendo sulla strada.

Come riporta il New York Post, uno dei leader della gang dominicana responsabile dell’omicidio ha inviato una messaggio vocale alla famiglia del ragazzo su Snapchat dicendo: “Mi dispiace”. Il leader della gang ha aggiunto che le botte mortali erano destinate ad un’altra persona.

A riceverle doveva essere un ragazzo somigliante a Lesandro che aveva girato il video, poi diffuso su Facebook, in cui lo si vedeva consumare un rapporto con una parente di uno degli assassini.

Leandra Feliz, la madre di Leandro di 48 anni, ora è disperata. Fra le lacrime ha detto: “Era il mio angelo. Era un ragazzo dolce, ma l’hanno ucciso come se fosse spazzatura. Gli hanno fatto un buco nel collo con un machete, è per questo che è morto”.

 “L’accoltellamento di questo giovane uomo è tra i crimini più brutali che abbia mai visto nei miei 36 anni di carriera”, ha scritto su Twitter Terence Monahan, capo del dipartimento di polizia locale. L’agente ha postato un video segnaletico dei presunti assassini ed ha promesso che consegnerà i responsabili della morte di Lesandro alla giustizia.