Luna, l’impatto dell’asteroide da 400 chili osservato in diretta (video)

di redazione Blitz
Pubblicato il 24 febbraio 2014 19:15 | Ultimo aggiornamento: 25 febbraio 2014 11:58

moonSPAGNA, HUELVA – Evento straordinario: è stato osservato in diretta lo schianto di un asteroide sulla Luna. E’il più grande mai registrato sul nostro satellite. A individuarlo è stato l’astronomo spagnolo Jose Maria Madiedo, dell’università di Huelva, nella regione autonoma dell’Andalusia,  che lo descrive sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society. Il bagliore prodotto dall’impatto sul suolo lunare è durato otto secondi ed è stato luminoso quasi quanto la stella polare. Secondo la Società di Astronomia britannica dovrebbe essere stato visibile ad occhio nudo dalla Terra.

L’asteroide, secondo i calcoli, pesava circa 400 chilogrammi e aveva un diametro compreso tra 60 centimetri e 1,40 metri e ha colpito la Luna a oltre 60 mila chilometri all’ora. Una velocità tale che la roccia cosmica si è immediatamente vaporizzata al momento dello schianto, scavando un cratere di 40 metri di diametro. La collisione è avvenuta l’11 settembre del 2013 nel Mare delle Nubi ed è stata catturata da due telescopi nel Sud della Spagna nell’ambito del progetto di monitoraggio della superficie lunare Midas.

”Continueremo a osservare la Luna. In questo modo – rileva Madiedo – perchè ci aspettiamo di identificare asteroidi minacciosi anche per la Terra”. Un avvistamento ”molto importante” lo ha definito l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope e curatore scientifico del Planetario di Roma. ”I crateri lunari – prosegue l’astrofisico – ci raccontano che la Luna dall’alba dei tempi è colpita da asteroidi. Ma è molto raro registrare questi impatti perchè bisogna trovarsi nel momento giusto ad osservare specificamente la regione colpita”.

Osservare questi eventi sulla Luna, dice ancora Masi, aiuta a comprendere meglio il rischio che oggetti simili e più grandi colpiscono la Terra. Secondo Madiedo e il suo gruppo, asteroidi del diametro di circa un metro possono colpire il nostro pianeta dieci volte più spesso rispetto alle stime precedenti. Fortunatamente l’atmosfera terrestre ci protegge dai ‘sassi’ cosmici di queste dimensioni, disintegrandoli e dando origine solo a spettacolari meteore.

Il video: