Papa Francesco è raffreddato: Angelus interrotto più volte per la tosse VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 2 Marzo 2020 10:38 | Ultimo aggiornamento: 2 Marzo 2020 10:38
papa francesco angelus foto ansa

Papa Francesco durante l’Angelus (foto Ansa)

ROMA – Niente ritiro quaresimale ad Ariccia prevista per il pomeriggio di domenica 1 marzo per Papa Francesco a causa del raffreddore che lo ha colpito da alcuni giorni. Lo ha annunciato lo stesso Pontefice nel corso dell’Angelus, durante il quale si è dovuto interrompere più volte proprio a causa della tosse. 

“Purtroppo il raffreddore mi costringe a non partecipare quest’anno, seguirò le meditazioni da qui”, ha detto all’Angelus chiedendo preghiere per il ritiro quaresimale della Curia. Il Papa dunque non sarà fisicamente alla Casa del Divin Maestro, ma seguirà gli esercizi spirituali da Casa Santa Marta in Vaticano.

E’ da giovedì che il pontefice, a causa di questa indisposizione, è rimasto a Santa Marta, dove ha proseguito a celebrare messa e ad avere degli incontri, rinunciando invece agli appuntamenti fuori dal Vaticano e anche a quelli in agenda nel Palazzo Apostolico.

Intanto intorno al Vaticano sale l’allerta per il coronavirus e il primo test è stato proprio per l’Angelus. Sono infatti state messe in atto nuove disposizioni per i controlli. Per accedere a piazza San Pietro le forze di sicurezza hanno fatto in modo che le file fossero più ordinate agli ingressi. I pellegrini sono stati controllati uno alla volta, garantendo una distanza di diversi metri tra chi viene controllato e le persone che erano dietro. L’obiettivo era quello di evitare assembramenti e calca. Dopo il primo filtro ce n’era un secondo, come al solito ai metal detector sotto il colonnato, dove gli addetti non sono comunque al momento dotati di termo-scanner.

Fonte: Ansa, YouTube