Rider picchiato e rapinato a Napoli VIDEO: 6 ragazzini lo pestano per rubargli il motorino

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Gennaio 2021 8:38 | Ultimo aggiornamento: 4 Gennaio 2021 8:41
Rider Gianni Lanciano picchiato a Napoli: "Arrabbiato ma dispiaciuto per loro". Fermati dei minori

Rider picchiato e rapinato a Napoli VIDEO: 6 ragazzini lo picchiano per rubargli il motorino (Foto da video)

Napoli: un gruppo di 6 ragazzini ha picchiato un rider per strada. Lo ha picchiato selvaggiamente per rubargli il motorino. Il motorino con cui stava facendo le consegne. Lo hanno lasciato là, nell’indifferenza generale. Mentre l’immanacabile spettatore di turno faceva un video col telefonino.

Almeno quelle immagini, diventate presto virali sul web, potrebbero servire a individuare questi selvaggi. Lui, un uomo di 50 anni, disoccupato, ha perso quello scooter che era fondamentale per il suo lavoro.

Ma forse potrà ricomparlo. Infatti si è scatenata un’asta di solidarietà su Internet. E in breve tempo sono state raccolte migliaia di euro. Tra i più generosi, il calciatore della Lazio Fares, che ha donato 2500 euro. Praticamente i soldi necessari per acquistare un nuovo motorino.

Napoli: il video del rider picchiato e rapinato per il motorino

“Stasera ho ricevuto un video sconvolgente su un’aggressione a un rider che sarebbe avvenuta intorno alle 20.30 a Calata Capodichino a Napoli. Un gruppo di delinquenti circonda e picchia il giovane con inaudita violenza per sottrargli lo scooter con il quale sta effettuando le consegne. Lo abbiamo subito girato alle forze dell’ordine. Al giovane diciamo di farsi avanti, anche in forma anonima, perché lo vogliamo aiutare. Chi è vittima di una tale barbarie va aiutato dalla parte sana della città”. E’ quanto ha scritto (la ser del 3 gennaio) il consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli, a cui è stato inviato il video pubblicato su Facebook.

“Ci aspettiamo – aggiunge il consigliere regionale – che i delinquenti vengano identificati e arrestati”. Secondo Borrelli “e’incredibile quanto avvenuto: è come andare a rubare i soldi dell’elemosina in una chiesa; una violenza morale e fisica quella di sottrarre l’unico mezzo di sostentamento ad un povero lavoratore precario impegnato per quattro spiccioli per ore e ore”.

L’esponente politico – che sollecita “un forte impegno da parte degli investigatori” – si chiede come sia possibile che “ancora oggi sfilino in città 6 delinquenti senza casco su due motorini con tutti i controlli che ci sono per il rispetto delle norme anticovid”. “E’ assurdo. Ora basta. In questa città la proclamazione della legalità non può essere solo un esercizio verbale” conclude Borrelli.

Rider picchiato a Napoli: la raccolta fondi su internet

Come detto, è subito partita una raccolta fondi online sul portale Gofundme. Questa la causale: “Stiamo facendo una raccolta per donare subito un motorino nuovo al ragazzo brutalmente rapinato e picchiato da 6 balordi”. Alla raccolta fondi ha aderito anche il calciatore della Lazio Mohamed Fares: “Appena ha letto della raccolta fondi ha provveduto con una donazione di 2.500 euro facendo superare l’obiettivo massimo fissato per l’acquisto di un nuovo motorino al rider. Grazie di cuore, Napoli ti renderà un applauso appena sarà possibile”. (Fonti: Ansa e Il Roma)