Roberto Freak Antoni è morto. Il leader degli Skiantos aveva 60 anni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 febbraio 2014 11:02 | Ultimo aggiornamento: 12 febbraio 2014 11:03
Roberto Freak Antoni è morto. Il leader degli Skiantos aveva 60 anni

Roberto Freak Antoni è morto. Il leader degli Skiantos aveva 60 anni

BOLOGNA – Roberto “Freak” Antoni è morto. Era l’ex leader del gruppo degli Skiantos. L’artista bolognese doveva compiere 60 anni. Era da tempo malato.

La sua carriera da Wikipedia:

Cabarettista comico e poliedrico artista, ha vestito i panni di numerosi personaggi o creato formazioni come Astro Vitelli, Beppe Starnazza e i Vortici, i Ruvidi del Liscio, gli Avanzi di Balera, i Pollok. È esponente di punta del genere Rock demenziale, definibile come rock ironico e dissacrante. È anche autore di numerosi libri, a partire dalla sua tesi di laurea al DAMS intitolata Il Viaggio dei Cuori Solitari: temi fantastici sulle canzoni dei Beatles, poi edita da Il Formichiere di Milano.

Successivamente ha pubblicato quattro libri con Feltrinelli, un volume con Sperling & Kupfer e uno con Pendragon. È stato anche attore in diversi film underground con lo pseudonimo di “Tony Garbato”, mentre come “Roberto Freak Antoni” ha interpretato dei ruoli in Jack Frusciante è uscito dal gruppo (1996) diretto da Enza Negroni, Cavedagne (2003) di Bernardo Bolognesi e Francesco Merini e Paz! (2002) diretto da Renato De Maria.

La sua partecipazione a quest’ultimo è legata alla sua amicizia con Andrea Pazienza, che lo ha anche fatto comparire in alcune sue storie a fumetti. Apprezzatissimo nel film-documentario: “Siamo fatti così” di Abi-Elisabeth Armand, Polivisioni (2004). Nel 2002 canta Canzone Per Gli Artisti nell’album 1977/2003 del progetto Punx Crew, e collabora con alcuni gruppi bolognesi, come Gli Atroci nell’album omonimo, e i Criopalmos per Bifidus, singolo allegato alla rivista a fumetti Odrillo. Nell’ottobre del 2004 ha licenziato un CD, intitolato Ironikontemporaneo, realizzato insieme alla pianista Alessandra Mostacci, specializzata in repertorio contemporaneo.

Sono sedici brani inediti di compositori di Musica Contemporanea, nei quali la musica è bizzarramente accompagnata ai versi demenziali e surreali di Antoni. Nel 2007 uscirà “Ironikontemporaneo 2”. Dal 1º novembre 2007 a Lucca Comics, su idea di Antoni e Stefano Ianne, viene lanciato il fumetto Freak ispirato alla vita di Antoni. Dal 2007 ha condotto la trasmissione mattutina Pane Burro e Rock’n’Roll su Radio RockFM. All’interno del programma si occupava de l’Almanacco del Giorno che Fu, del Test attitudinale per la patente da vero rocker, di varie rubriche di utilità come Il Ritardatario Ritardato, le cure de La casa di cura Eleonora Duse, della Storia del Rock demenziale italiano.

Nel 2008 collabora con la band torinese Banda Elastica Pellizza per l’album “La Parola che Consola”. Nel 2009 ha fatto una breve apparizione nello spettacolo “SensoZero” (organizzato all’Auditorium di Roma dal programma radiofonico di Radio2 RAI 610, con gag e scene di comicità fredda, surreale e originale). Nel 2009 formerà la “Freak Antoni Band” composta da Max Cottafavi alla chitarra, Elisa Minari al basso, Granito Morsiani alla batteria, Alessandra Mostacci alla tastiera e nel 2010 uscirà il cd “Dinamismi Plastici” con 10 brani inediti. Nel 2010 riceve il “Premio Tenco”.

Tra il 2011 e il 2012 collabora con la band Barresi Project. Dall’ottobre 2011 collabora con il gruppo Ossi Duri. Il 12 aprile 2012, dopo 35 anni di collaborazione con gli Skiantos, Freak Antoni annuncia di lasciare il gruppo per intraprendere la carriera da solista con un progetto battezzato Freak Antoni Band[1]. Nel 2012 collabora con J-Ax in una riedizione del proprio brano “I gelati sono buoni” contenuti nell’album live del cantautore milanese “Meglio Live”.