Ryanair: fumo in cabina, aereo costretto ad un atterraggio d’emergenza VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 22 Gennaio 2020 13:01 | Ultimo aggiornamento: 22 Gennaio 2020 13:04
aereo ryanair fumo cabina

Ryanair: fumo in cabina, aereo costretto ad un atterraggio d’emergenza

ROMA – Un aereo appena decollato è stato invaso da del fumo in cabina. I passeggeri a bordo hanno inizato a piangere ed urlare. E’ accaduto martedì 21 gennaio a bordo del volo Ryanair partito dall’aeroporto di Bucarest Otopeni in Romania: l’aereo era diretto a Londra Stansted ed ha dovuto chiedere il permesso di atterrare in emergenza.

Il ritorno sulla pista di Otopeni è avvenuto senza problemi. I 169 passeggeri sono rimasti illesi e successivamente sono stati prelevati da un altro aereo Ryanair. Molti viaggiatori hanno però lamentato il fatto che non sono state fatte uscire le maschere a ossigeno e di aver dovuto coprirsi la bocca con sciarpe e altri vestiti.

Secondo quanto riferisce la compagna, il fumo in cabina sarebbe stato causato dal liquido di sbrinamento entrato nel sistema di condizionamento dell’aria. 

La sera del 17 gennaio, un aereo della Air Italy partito da Olbia e diretto a Roma Fiumicino è stato invaso dal fumo. I passeggeri, come ha raccontato una di loro a Radio Capital, hanno vissuto “20 minuti di panico estremo”.

A bordo il fumo era tanto, fino quasi a non far respirare i passeggeri. Il fumo proveniva dalla parte posteriore del velivolo e si è sprigionato poco dopo il decollo avvenuto intorno alle 20. Il comandante ha immediatamente invertito la rotta chiedendo di effettuare un atterraggio di emergenza. L’aereo è rientrato al Costa Smeralda senza problemi. Nessun ferito tra i passeggeri e il personale di bordo.

Fonte: Corriere della Sera, YouTube