YOUTUBE Salvini contestato in Polonia: “Succhiac*** di Putin, sei un fascista”

di redazione Blitz
Pubblicato il 10 gennaio 2019 10:44 | Ultimo aggiornamento: 10 gennaio 2019 10:46
Salvini in Polonia

Salvini contestato in Polonia: “Succhiac*** di Putin, sei un fascista”

VARSAVIA – Matteo Salvini vola in Polonia per incontrare l’omologo Joachim Brudzinski e il leader del partito di maggioranza Jaroslaw Kaczynski del Partito diritto e giustizia. Qui, nei pressi della Tomba del milite ignoto, il leader della Lega viene contestato in italiano: “Razzista, fascista. Qui c’è la Polonia antifascista!” gli ha gridato un uomo.

Il gruppo di contestatori ha esibito uno striscione di critiche al leader della Lega ed è stato tenuto a debita distanza dalle forze dell’ordine. “Sei il succhia c*** di Putin” gli grida un uomo polacco, in perfetto italiano, “sei un fascista e un razzista”. L’uomo ha poi proseguito nella sua protesta mandando più volte a quel paese il ministro dell’Interno.

Oltre alle parole, anche i cartelli con scritte contro Salvini. Uno di questi recitava: “Non qui, non tu. Qui riposta la Polonia antifascista e antibolscevica. Salvini vaffanc***”.

Le grida, ad un certo punto sono state coperte dal rullo di tamburi che hanno accompagnato la marcia di Salvini e del suo omologo polacco verso il monumento al milite ignoto. In sottofondo hanno intanto suonato le trombe, come da tradizione. Come spesso accade quando viene contestato, Matteo Salvini ha immediatamente risposto alla contestazione: “Che volete, uno che dice succhia ca**odi Putin è solo un poveretto”.