Sarri, la frase “rubata” negli spogliatoi: “Se avete vinto anche con me, vuol dire che siete forti” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 Luglio 2020 11:01 | Ultimo aggiornamento: 28 Luglio 2020 8:36
sarri vince lo scudetto

Sarri, la frase “rubata” negli spogliatoi: “Se avete vinto anche con me, vuol dire che siete forti”

Maurizio Sarri e la battuta sulla vittoria della Juventus: “Se avete vinto lo scudetto anche con me, allora vuol dire che siete forti”.

Maurizio Sarri, a cogliere la frase dell’allenatore della Juve è stato Leonardo Bonucci durante una diretta Instagram dagli spogliatoi.

La Juventus ha vinto il suo 36esimo scudetto, il nono consecutivo, la serie più vincente della storia del calcio italiano.

La vittoria è arrivata dopo il cambio di allenatore e con Maurizio Sarri in panchina, uno degli allenatori tra i più discussi nell’ambiente bianconero. 

I problemi con i tifosi

Sarri non è mai stato molto accettato dai tifosi.

Alla fine della partita vinta per 2-0 sulla Sampdoria, la Juventus ha festeggiato: Sarri non ha evitato il bagno con lo spumante negli spogliatoi.

Leonardo Bonucci ha cominicato a fare una diretta che ha postato su Instagram.

E proprio in quel momento Sarri gli si è avvicinato ed ha pronunciato queste parole: “Se avete vinto lo scudetto anche con me, allora vuol dire che siete forti”.

400 giorni per conquistare il primo trofeo in Italia

A Maurizio Sarri sono bastati poco più di 400 giorni per conquistare il primo trofeo in Italia e da allenatore della Juventus:

ha fallito gli appuntamenti con la Supercoppa Italiana e con la coppa Italia, ora può godersi lo scudetto.

Perché la prima volta non si scorda mai, anche se è arrivato in un club il cui motto è “vincere non è importante, è l’unica cosa che conta”.

“Ho preferito andare all’estero per non passare direttamente dal Napoli a un’altra squadra italiana”

è stata una delle primissime frasi pronunciate il 20 giugno 2019, giorno in cui ha conosciuto l’Allianz Stadium e i colori bianconeri.

Ed è anche per quel suo affetto verso Napoli e il Napoli che, ancora dopo un anno, non è riuscito ad entrare nel cuore dei tifosi. Ha dovuto adattarsi allo stile Juve.

Ha vinto il campionato, il bel calcio però non è visto per davvero: anche per questo ha ricevuto diverse critiche, dalla stampa e dal mondo bianconero.

Il nono scudetto di fila è diventato realtà, dalla ripresa post-coronavirus la sua Juve ha saputo sfruttare il crollo verticale della Lazio e un’Inter frenata da troppi passi falsi,

mentre l’Atalanta ha ancora diversa strada da fare per candidarsi seriamente al tricolore. 

Adesso, però, arriva il difficile per l’ex banchiere diventato allenatore: c’è la missione Champions, l’attesa prosegue dal lontano 1996.

L’ultimo a centrarla è stato un certo Marcello Lippi, Sarri ci proverà dove Conte e Allegri hanno fallito (fonte: Ansa, Repubblica, Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev).