Shuttle Endeavour torna sulla Terra: a bordo c’è l’italiano Roberto Vittori

Pubblicato il 2 Giugno 2011 10:13 | Ultimo aggiornamento: 2 Giugno 2011 10:22

CAPE CANAVERAL (FLORIDA,STATI UNITI) – Lo shuttle Endeavour è tornato sulla Terra. La navicella nella notte tra il 31 maggio e il 1 giugno è atterrata con i sei astronauti a bordo al Kennedy Space Center, in Florida, dopo una missione di 16 giorni, la sua ultima.

Il team, coordinato dal comandante Mark Kelly, ha messo a punto gli ultimi dettagli alla Stazione spaziale internazionale. L’ultimo shuttle che partirà sarà l’Atlantis, che inizierà la sua missione a luglio, mentre l’Endeavour finirà in un museo della California.

A bordo della navetta della Nasa cher ha toccato terra come previsto alle 2.35 ora locale con un suggestivo atterraggio notturno, c’era anche l’astronauta italiano Roberto Vittori. La missione Sts-134 è durata poco meno di 16 giorni, 2 più di quanto inizialmente previsto, a causa dei problemi tecnici che hanno fatto rimandare più volte il decollo. Durante la permanenza a bordo della Stazione spaziale internazionale, Vittori e i suoi colleghi hanno portato a termine numerosi esperimenti, anche per conto dell’Agenzia spaziale italiana, e hanno agganciato alla Iss il cacciatore d’antimateria Ams, un esperimento da 2 miliardi di dollari, coordinato dall’Istituto di fisica nucleare italiano.