YOUTUBE Spagna, poliziotti rischiano di annegare durante l’inseguimento: i narcotrafficanti li salvano

di redazione Blitz
Pubblicato il 8 Ottobre 2019 15:13 | Ultimo aggiornamento: 8 Ottobre 2019 15:13
spagna scontro polizia narcotrafficanti

le due imbarcazioni dopo lo scontro: la droga galleggia in acqua

ROMA – A largo delle coste nel sud della Spagna, la polizia si è messa sulle tracce di quattro trafficanti di droga in un inseguimento molto spettacolare ed anche pericoloso. Il fatto èavvenuto a bordo di due barche molto piccole e veloci: un elicottero dell’unità aerea di Malaga che si è alzato in volo a supporto della polizia, ha catturato parte dell’inseguimento in un video finito poi anche su Youtube.

Le immagini mostrano la barca della polizia che tenta di avvicinarsi ai trafficanti. La barca è troppo veloce e rimbalza sulle onde: le due imbarcazioni finiscono così per scontrarsi. Tre agenti finiscono in mare mentre la loro barca continua girare senza controllo. Le eliche sono molto vicine ai poliziotti che tentano di nuotare cercando così di allontanarsi. Ci provano ma sono in evidente difficoltà: la situazione è quindi molti rischiosa per gli agenti che rischiano seriamente di farsi male. 

L’equipaggio dell’elicottero, a questo punto decide quindi di lanciare un appello col megafono: “Salvate gli agenti!”, urlano ai narcos. La barca dei trafficanti è tipo gommone, più piccola e funzionale di quella degli agenti: i trafficanti di droga, malgrado lo scontro tra le due barche, potrebbero decidere di scappare. Invece, forse per evitare condanne ulteriori, decidono di fermarsi e di aiutare gli agenti. Mentre tutto intorno galleggiano sull’acqua i pacchi di droga caduti dopo l’impatto tra le due imbarcazioni, i narcotrafficanti decidono quindi di tirare su gli agenti che rischiano di annegare.  

La polizia, dopo aver arrestato le quattro persone a bordo del gommone per traffico di droga, si è messa a ripescare il carico finito in mare: si tratta di più di 80 pacchi di hashish, per un peso di oltre 3 chili.  

Fonte: Repubblica