Israele, raid a Gaza: 6 morti. Bomba su bus a Tel Aviv, 28 feriti

Pubblicato il 21 Novembre 2012 12:30 | Ultimo aggiornamento: 21 Novembre 2012 18:12

Esplosione bus Tel Aviv

Il bus esploso a Tel Aviv

TEL AVIV – L’esplosione avvenuta la mattina del 21 novembre su un autobus di linea di Tel Aviv ha provocato il ferimento di 28 personee “nessun morto”. Lo ha detto all’Ansa Ely Bin, il direttore del Maghen David Adom (equivalente locale della Croce rossa). Secondo Bin, esiste un’allerta per altri possibili attentati, in località diverse di Israele.

Hamas, attraverso il portavoce Fawzi Barhum, pur non rivendicando la paternità dell’attacco, ha fatto sapere che questo attentato rappresenta ”la naturale reazione all’aggressione israeliana di Gaza”.

”Avevamo avvertito nei giorni scorsi della eventualità di attentati in Israele, tanto più mentre i nostri civili continuano a morire” ha affermato Barhum.

Le rivendicazioni dell’attentato, non si sono fatte attendere e alla fine sono apparse su internet destando perplessità alle autorità. La prima è giunta dalle “Brigate Jihad Jibril del Fronte popolare per la liberazione della Palestina”, la seconda dalle “Brigate dei martiri di al-Aqsa”, braccio armato di al-Fatah. Le “Brigate Jihad Jibril del Fronte popolare per la liberazione della Palestina”, viene spiegato da Gaza, sono un’organizzazione legata alla Siria quasi sconosciuta sia in Cisgiordania che a Gaza, dove conta un numero esiguo di sostenitori. Sulla seconda rivendicazione, citata da alcuni mezzi di comunicazione in Israele, finora non ci sono altri elementi che confermino che sia genuina, anche se alcuni analisti rilevano che nella zona di Jenin (Cisgiordania settentrionale) le Brigate al-Aqsa sembrano aver ripreso di recente la attività armata dopo anni di inattività.

 STRISCIA DI GAZA – Oltre all’attentato al bus di tel Aviv, il bilancio di oggi 21 novembre parla di sei persone uccise in diversi attacchi aerei separati condotti da Israele nel nord della striscia di Gaza. In un attacco, nella via Saftawi, sono rimasti uccisi un padre con due figli (un maschio e una femmina). in un altro nella località di Beit Hanun, è morta una persona finora non identificata.