Tg News, le notizie della settimana: soldi nel forno, gilet gialli e Notre-Dame, Salvini col mitra

Giuseppe Avico
Pubblicato il 24 Aprile 2019 10:31 | Ultimo aggiornamento: 24 Aprile 2019 10:31
Tg News, le notizie della settimana: soldi nel forno, gilet gialli e Notre-Dame, Salvini col mitra

Tg News, le notizie della settimana: soldi nel forno, gilet gialli e Notre-Dame, Salvini col mitra

ROMA – Immaginate per un attimo di nascondere un bel malloppo di contanti in casa e di volerlo ritrovare lì. Ora immaginate di nascondere un bel malloppo di contanti in casa e di non ritrovarlo più. Decisamente spiacevole. A Padova è successo qualcosa che sta tra il comico più trash e il tragico. Un imprenditore aveva nascosto ben 40mila euro nel forno. L’uomo era accusato di aver evaso il fisco riciclando all’estero denaro per 40 milioni di euro. La fidanzata, nel tentativo di cucinare un bel dolce, nello specifico uno strudel, ha accesso il forno e ha dato fuoco involontariamente al denaro. Insomma, una bella somma andata letteralmente in fumo. Chissà, poi magari il dolce sarà anche venuto più buono con questo ingrediente segreto. Insomma, una vicenda che sa di film. Questo è uno dei flash del notiziario video settimanale di Giuseppe Avico. Tre minuti di informazione di ogni genere raccontata e con didascalie.

Nel video poi si parla dei gilet gialli. Circa una settimana fa andava a fuoco la cattedrale di Notre-Dame, luogo simbolo della capitale francese. Per la sua ricostruzione è partita una grande raccolta fondi da oltre 600 milioni. A quanto pare questo, però, ha “innervosito” non poco i gilet gialli, scesi in piazza per il 23esimo sabato di scontri e cortei non autorizzati. L’incendio della cattedrale ha riacceso la loro rabbia con l’ultimo messaggio di sfida lanciato al governo Macron: “Notre-Dame non siamo noi”. Tra di loro, infatti, domina il sentimento di ingiustizia e la conseguente protesta nei confronti di questa grossa raccolta fondi. Secondo loro si sono trovati facilmente milioni di euro per la ricostruzione della cattedrale, ma non ne vengono stanziati altrettanti per i più poveri, i “Miserabili”, citando Victor Hugo. Da lì il risentimento popolare dei gilet gialli, nuovi scontri e una nuova ondata di violenza per le strade di Parigi e non solo. Oramai il clima è quello della guerriglia urbana da circa 5 mesi. Per quanto ancora continuerà?

Poi ancora nel video si parla della polemica che riguarda una foto pubblicata su Facebook da Luca Morisi, spin doctor di Matteo Salvini. In questa foto si vede Salvini con in braccio un mitra. Nella didascalia che accompagna la foto si legge: “Siamo armati e dotati di elmetto”. Inevitabile il fiume di polemiche. Da una parte Saviano che parla di “istigazione a delinquere”, dall’altra un esponente del Pd vicino a Zingaretti, Nicola Smeriglio che la definisce “inaccettabile”. Infine a parlare è stato lo stesso Salvini, che ha definito le polemiche “fondate sul nulla” e ha pubblicato una foto con 3 peluche. Insomma, Morisi sarà anche un esperto di comunicazione, il che vuol dire che è preparato per mangiare pane e polemiche ogni giorno, ma questa foto, e soprattutto la sua didascalia, sembrano di cattivo gusto. Poi certo, ci sono anche alcune reazioni che appaiono un tantino melodrammatiche.

Infine nel video si parla del latte, e più precisamente quello italiano. In 6 anni il consumo del latte in Italia è calato del 30%. Perché? Per Gianpiero Calzolari, coordinatore del settore lattiero-caseario di Alleanza Cooperative Agroalimentari, è colpa della disinformazione che si diffonde in rete, è colpa delle fake news. A tal proposito qualche giorno fa è stata presentata a Roma la campagna di comunicazione “Verde Latte Rosso”, ossia una campagna di sensibilizzazione delle cooperative agroalimentari che denuncia appunto questo calo e tutti quei falsi allarmi e notizie infondate che circolano in rete riguardo il latte.