Tg News, le notizie della settimana: Juncker e il maxi-cerotto, Emma Marrone e gli insulti sessisti, il gesto di Simeone

Giuseppe Avico
Pubblicato il 25 febbraio 2019 6:23 | Ultimo aggiornamento: 25 febbraio 2019 6:23
Tg News, il meglio della settimana: Juncker e il maxi-cerotto, Emma Marrone e gli insulti sessisti, il gesto di Simeone

Tg News, le notizie della settimana: Juncker e il maxi-cerotto, Emma Marrone e gli insulti sessisti, il gesto di Simeone

ROMA – Theresa May, Juncker e il maxi-cerotto. Il 29 marzo si fa sempre più vicino e le due parti, Regno Unito e Unione europea, non sembrano avvicinarsi più di tanto per evitare quello che sarebbe un disastroso no deal. Settimana scorsa la May e il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker si sono incontrati e dalle dichiarazioni dello stesso Juncker traspare un certo pessimismo sulla questione brexit. Episodio curioso è quello che lo ha coinvolto durante la conferenza stampa nella quale si è presentato con un vistoso cerotto sulla guancia. Stemperando la tensione, Juncker ha dichiarato: “Non è stata Theresa May ad infliggermi questa ferita”. Ora rimane solo da capire se il cerotto verrà definitivamente rimosso o se servirà rimetterne tanti altri, e le metafore si sprecano. Questo è uno dei flash del notiziario video settimanale di Giuseppe Avico. Tre minuti di informazione di ogni genere raccontata e con didascalie.

Nel video poi si parla della polemica che riguarda le dichiarazioni del leghista Massimiliano Galli in risposta alla cantante Emma Marrone. Quest’ultima durante un concerto ha urlato dal palco: “Aprite i porti”. Galli, con un post su Facebook, ha risposto: “Faresti bene ad aprire le tue cosce facendoti pagare”. Una dichiarazione fuori dal mondo, e non è la prima volta che Galli si rende protagonista di uscite di questo tipo. Poi la polemica social si è estesa con tanti commenti di insulto indirizzati alla cantante. Ma perché? Il partito ha poi annunciato l’espulsione di Galli, mentre Matteo Salvini si è schierato dalla parte di Emma Marrone, dalla parte del buon senso.

Poi ancora nel video si parla della decisione di Youtube di mettere al bando i video No Vax, in quanto, secondo la piattaforma di Google, non sono in linea con le policy societarie che vietano di trarre profitto da video con materiale “pericoloso e dannoso”. Il tutto avviene dopo che alcune società hanno ritirato la pubblicità su Youtube perché appariva con dei video contro la vaccinazione di bambini.

Infine nel video si parla anche del gesto dell’allenatore Simeone durante la partita di Champions League tra Atletico Madrid e Juventus. Simeone, dopo il gol dell’1 a 0, si è lasciato andare ad un’esultanza piuttosto vivace per far capire che la sua squadra ha gli attributi. Si vede bene che il gesto non è rivolto verso i tifosi della Juve, ma anzi verso quelli colchoneros. Certo, in quanto a stile non ci siamo proprio, ma c’è da considerare anche il momento della partita e la rabbia per alcuni episodi arbitrali sfavorevoli all’Atletico. Una giustificazione? No, il gesto non è bello e non lo sarà mai in nessun campo sportivo.