Texas, studente del college di 20 anni ferisce 14 persone con un coltello

Pubblicato il 10 Aprile 2013 - 10:25 OLTRE 6 MESI FA

Studenti fuggono per mettersi al riparo

HOUSTON, STATI UNITI – Almeno 14 persone sono state ferite in una universita’ del Texas, due delle quali in maniera grave, da uno studente di 20 anni, Dylan Quick, che improvvisamente e’ andato da un edificio all’altro del campus colpendo, sembra a caso, gli studenti con un’arma da taglio, probabilmente un rasoio o un taglierino.

Secondo quanto hanno riferito fonti locali, l’allarme al Lone Star community college di Cypress-Fairbanks, ad una quarantina di chilometri a Nord di Houston, e’ scattato in tarda mattinata. L’aggressore ha agito in poco tempo e ha lasciato dietro di se’ una scia di sangue.

Alle sue vittime ha inferto profonde ferite al collo e al corpo, hanno detto alcuni testimoni. Quattro persone, di cui due in condizioni definite critiche, sono state portate via con l’eliambulanza, ma le persone ricoverate sono state in tutto dodici. Altre due hanno avuto ferite lievi e hanno rifiutate il ricovero.

Quando e’ stato individuato il pericolo, gli studenti sono stati informati via e-mail o sms ed e’ stato chiesto loro di trovare un rifugio o chiudersi in camera, mentre la polizia, rapidamente arrivata sul posto, ha isolato e arrestato lo studente. Gli agenti non hanno voluto precisare che tipo di arma avesse. Altre fonti hanno riferito che si tratta di uno studente del Lone Star, mentre alcuni testimoni hanno detto che indossava un cappello nero.

Inizialmente sembrava che gli aggressori fossero almeno due, ma poi la polizia ha accertato che era in realta’ uno solo. Probabilmente l’allarme su un possibile altro uomo e’ nato perche’ nel corso del suo raid il ragazzo fermato si e’ mosso rapidamente da un edificio all’altro.

La vicenda fa seguito ad un altro episodio di sangue avvenuto nel gennaio scorso in un altro campus del Lone Star College, in cui nel corso di una lite due studenti si sono sparati a vicenda, causando il ferimento di tre persone, compreso uno dei due studenti che hanno aperto il fuoco.