VIDEO YouTube. Fabrizio Corona si racconta in Metamorfosi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Settembre 2015 12:38 | Ultimo aggiornamento: 3 Settembre 2015 12:38
VIDEO YouTube. Fabrizio Corona si racconta in Metamorfosi

VIDEO YouTube. Fabrizio Corona si racconta in Metamorfosi

ROMA – Fabrizio Corona si racconta nel docu-film Metamorfosi, in arriva al cinema il prossimo 10 settembre. Un documentario in cui Corona racconta l’ultimo periodo della sua vita prima di entrare in carcere e, come scrive lui stesso su Facebook, “un percorso per diventare un uomo migliore”.

Katia Perrini su Il Tempo scrive che il film, scritto e diretto da Jacopo Giacomini e Roberto Gentile, racconta la vita di Corona, che sta finendo di scontare la sua condanna in uno dei centri di recupero di Don Mazzi:

“Perché il business e business e uscire dalla “droga” dei soldi facili non è per nulla facile. Si fa scattare foto nella sua attività quotidiana e le pubblica. E pubblica anche immagini del bambino avuto da Nina Moric, Carlos. A corredo dell’ultima immagine, lui disteso a torno nudo, Carlos al suo fianco che gli tiene la mano, scrive: “Mentre noi cerchiamo di insegnare ai nostri figli tutto della loro vita, loro ci insegnano che cosa conta davvero nella vita”.

Nel suo percorso verso la riabilitazione sociale, ora c’è anche questa “Metamorfosi”, per far vedere a tutti in cosa consiste la rinascita di Fabrizio. Gentile e Giacomini spiegano così la loro creatura: “Provare a trasmettere attraverso le immagini, le parole, i suoni, i colori, le emozioni… onde di consapevolezza e amore che potessero accendere nel cuore degli spettatori il desiderio di avventurarsi in viaggio nell’immensità del loro se autentico”.

Non è la prima volta che l’ex fidanzato di Belen Rodriguez è protagonista al cinema. Nel 2009 il regista Erik Gandini volle raccontare i “fasti” della vita di Corona, assieme a quelli di un altro protagonista del gossip, anche lui finito nella polvere e dietro le sbarre: Lele Mora. Il film-documentario si chiamava “Videocracy – Basta apparire”. Sono passati quasi sei anni da allora. e anche se dovrebbe essere una metamorfosi, la voglia di apparire sembra sempre la stessa”.