VIDEO YouTube – Incendi California: 1 morto, evacuato paese

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Settembre 2015 13:15 | Ultimo aggiornamento: 14 Settembre 2015 13:15

LOS ANGELES – Stato di emergenza per gli incendi in California: si contano già un morto, centinaia di case in fumo, un paese fatto sgomberare e ettari di boschi devastati. Come ogni anno anche questo settembre le fiamme sono divampate nello Stato americano, colpendo soprattutto il Nord, dove il fuoco ha divorato 160 chilometri quadrati di terreni.  Il governatore dello Stato, Jerry Brown, è stato costretto a dichiarare lo stato di emergenza nelle contee di Napa (famosa per i vigneti) e Lake.

Si indaga sulle cause di alcuni incendi localizzati, ma complice dell’espandersi veloce delle fiamme è il prolungato periodo di siccità che ha colpito la California, tale che all’inizio di aprile per la prima volta nella storia il governatore Brown è stato costretto a razionare le forniture d’acqua del 25% per salvare le coltivazioni assetate.

Il fuoco ha distrutto case, avvolto ponti, danneggiato edifici, costringendo alla fuga popolazioni di paesini e cittadine lungo quasi 60 chilometri. Un intero paese del Lake County, Middletown, rischia di essere raso al suolo: tutti gli abitanti, circa 1.500, sono stati fatti sgomberare, lasciandosi alle spalle le case in fumo.

Più a est, nelle contee di Amador e Calaveras, gli incendi si sono propagati ad oggi per oltre 26mila ettari e sono decine gli edifici e le abitazioni distrutte e migliaia sono ancora a rischio mentre solo il 15% dell’enorme rogo è considerato sotto controllo.

Ma l’emergenza, arrivata al culmine nelle ultime ore, monta da luglio: è da allora che più a sud, oltre Fresno, i vigili del fuoco stanno tentando di domare il più vasto degli incendi che ha già fagocitato 52 ettari di terreno. Al momento è considerate sotto controllo solo per il 29% e l’allarme resta alto per un adiacente parco nazionale, il Kings Canyon National Park, con le sue famose sequoie giganti.

(Foto Lapresse)