VIDEO YouTube – Isis, ucciso in un raid in Iraq il numero due Abu Alaa al-Afri

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Maggio 2015 17:12 | Ultimo aggiornamento: 13 Maggio 2015 17:19
Isis, ucciso in Iraq il numero due Abu Alaa al-Afri

Abu Alaa al-Afri

BAGHDAD –  Il numero due del cosiddetto Stato Islamico, Abdul Rahman Mustafa Mohammed chiamato Abu Alaa al-Afri, è stato ucciso in un raid della coalizione nel nord dell’Iraq, secondo quanto riporta la BBC citando il ministero della Difesa iracheno. Abu Ala al-Afri era diventato il capo operativo dell’Isis dopo il ferimento, in un altro raid della coalizione internazionale a guida americana, del capo Abu Bakr al-Baghdadi. 

Al-Afri si trovava a Tal Afar, in Iraq, all’interno di una moschea dove stava incontrando dozzine di militanti quando è stato ucciso. Secondo quanto dichiarato dal ministero della Difesa iracheno, anch’essi sono morti nel bombardamento. La scorsa settimana il dipartimento di Stato americano aveva istituito una taglia fino a 7 milioni di dollari per informazioni utili a trovare Al-Afri, identificato come Abdul Rahman Mustafa al-Qaduli.

Ex professore di Fisica, al-Afri è stato il responsabile della gestione delle province dell’Is in Iraq, dove ha imposto un rigido rispetto della sharia, la legge coranica. Al-Afri è stato un guerrigliero di Al Qaeda. Sembra che alla fine degli anni Novanta si fosse addestrato in Afghanistan per poi arruolarsi nelle file qaediste in Iraq comandate dal capo Abu Musab al-Zarqawi, anche lui morto sotto i bombardamenti di un raid americano.

(Nel filmato del ministero della Difesa iracheno il raid che avrebbe ucciso al-Afri)