VIDEO YouTube: New York, poliziotto sbatte a terra e arresta 11enne ispanica innocente

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 luglio 2015 15:45 | Ultimo aggiornamento: 23 luglio 2015 22:21
 New York, poliziotto sbatte a terra e arresta 11enne ispanica innocente

New York, poliziotto sbatte a terra e arresta 11enne ispanica innocente

NEW YORK – Un’undicenne ispanica che frequenta ancora le elementari, a New York è stata presa e sbattuta per terra e ammanettata. A fermarla in questo modo così brutale è stato un poliziotto bianco che sospettava un coinvolgimento della piccola in un furto di un telefonino. La ragazzina si è poi scoperto che non c’entrava nulla ed è stata rilasciata. E’ accaduto circa sei mesi fa nella Grande Mela e già si parla dell’ennesimo caso di abuso di potere da parte della polizia americana. Il filmato diffuso solo ora, è sgranato perché ripreso da un telefonino dalle registrazione di una telecamera di sicurezza.

Tutto comincia quando un uomo esce dalla sua auto per sgridare alcuni ragazzini che tiravano palle di neve contro il suo mezzo. Nel farlo, all’uomo cade il telefonino a terra, raccolto da un ragazzo che poi si da alla fuga. Alla scena assistono la ragazzina e una sua compagna di classe, che stavano andando da scuola alla fermata dell’autobus. Quando è arrivata la polizia le due hanno chiesto se potevano restare a vedere poi hanno corso per un isolato perché si sono ricordate dell’autobus in arrivo. L’uomo a cui era stato rubato il telefonino vedendole correre ha pensato che facessero parte del gruppo di ladri e le ha indicate alla polizia.

Un poliziotto del New York Police Department ha quindi reagito e, senza discutere con la bambina che spiegava di non essere per niente coinvolta l’ha afferrata per un braccio e ha cominciato a strattonarla, poi l’ha presa per il collo e gettata a terra. A questo punto l’ha ammanettata. Dopo l’arresto la polizia ha capito che la giovane non era coinvolta e l’ha rilasciata, ma ha prescritto un corso che aiuta i ragazzi a riconoscere le loro colpe.

L’agente coinvolto nell’inchiesta ha testimoniato di aver dovuto “lottare” con la bambina: l’uomo ha poi aggiunto di essere “scivolati sul ghiaccio” e che la piccola aveva fatto resistenza al tentativo d’ammanettarla. La famiglia ha rifiutato di far frequentare il corso alla piccola. Solo dopo alcuni mesi la procura l’ha liberata da ogni accusa e prescrizione: a far cadere tutte le accuse è stato proprio questo video che smentiva totalmente la versione del poliziotto.

La bambina ancora oggi si sveglia nel sonno piangendo e quando vede un poliziotto vuole allontanarsi subito. Resta di più in casa perché ha paura ad uscire. E oltre al danno la beffa: il poliziotto non è stato neppure denunciato per la falsa testimonianza.