Videomessaggio Berlusconi: testo integrale e video integrale (16 minuti)

di Antonio Sansonetti
Pubblicato il 18 settembre 2013 19:08 | Ultimo aggiornamento: 18 settembre 2013 20:49
Videomessaggio Berlusconi: testo integrale e video integrale (16 minuti)

Videomessaggio Berlusconi: testo integrale e video integrale (16 minuti)

ROMA – Ecco il testo e il video integrale del videomessaggio diffuso da Silvio Berlusconi alle 18 di mercoledì 18 settembre:

Ultimi due minuti:

 

“Cari amici,

voglio parlarvi con la sincerità con cui ognuno di noi parla alle persone alle quali vuole bene,
quando bisogna prendere una decisione importante che riguarda la nostra famiglia.

Che si fa in questi casi? Ci si guarda negli occhi, ci si dice la verità e si cerca insieme la strada migliore.

Siete certamente consapevoli che siamo precipitati in una crisi economica senza precedenti, in una depressione che uccide le aziende, che toglie lavoro ai giovani, che angoscia i genitori, che minaccia il nostro benessere e il nostro futuro.

Il peso dello Stato, delle tasse, della spesa pubblica è eccessivo. Occorre imboccare la strada maestra del liberalismo, che quando è stata percorsa ha sempre prodotto risultati positivi in tutti i Paesi dell’Occidente.

Qual è questa strada? Meno Stato, meno spesa pubblica, meno tasse.

Con la sinistra al potere il programma sarebbe invece come sempre: altre tasse, una imposta patrimoniale sui nostri risparmi, un costo più elevato dello Stato e di tutti i servizi pubblici.

I nostri ministri hanno già messo a punto le nostre proposte per un vero rilancio dell’economia, proposte che saranno principalmente volte a fermare il bombardamento fiscale che sta mettendo in ginocchio le nostre famiglie e le nostre imprese.

Ma devo ricordare che gli elettori purtroppo non ci hanno mai consegnato una maggioranza vera. Abbiamo sempre dovuto fare i conti con i piccoli partiti della nostra coalizione, che per i loro interessi particolari ci hanno sempre impedito di realizzare le riforme indispensabili per modernizzare il Paese, prima tra quella della giustizia.

E proprio per la giustizia, diciamoci la verità, siamo diventati il Paese in cui non vi è la certezza del diritto,
siamo diventati una democrazia dimezzata, alla mercè di una magistratura politicizzata, una magistratura che – unica tra le magistrature dei Paesi civili – gode di una totale irresponsabilità, di una totale immunità.

Questa magistratura, per la prevalenza acquisita da un suo settore, Magistratura democratica, si è trasformata da ordine dello Stato, costituito da impiegati pubblici – non eletti – in un potere dello Stato, anzi in un contropotere in grado di condizionare il potere legislativo e il potere esecutivo, e si è dato come missione quella – è una loro dichiarazione – di realizzare la via giudiziaria al socialismo.

Questa magistratura, dopo aver eliminato nel ’92 e nel ’93 i cinque partiti democratici che ci avevano governati per 50 anni, credeva di aver spianato definitivamente la strada del potere alla sinistra.

Successe invece quel che sapete: un estraneo alla politica, un certo Silvio Berlusconi scese in campo, sconfisse la ‘gioiosa macchina da guerra’ della sinistra e portò, in due mesi, i moderati al governo. Ero io

Subito, anzi, immediatamente, i pm e i giudici legati alla sinistra, in particolare quelli di Magistratura Democratica, si scatenarono contro di me e mi inviarono un avviso di garanzia accusandomi di un reato da cui sarei stato assolto con formula piena sette anni dopo. Cadde così il governo.

Ma da quel momento fino ad oggi mi sono stati riversati addosso incredibilmente, senza alcun fondamento nella realtà, 50 processi che hanno infangato la mia immagine e mi hanno tolto il tempo, tanto tempo, serenità e ingenti risorse economiche.

Hanno frugato ignobilmente e morbosamente nel mio privato, hanno messo a rischio le mie aziende senza alcun riguardo per le migliaia di persone serie ed oneste che vi lavorano.

Hanno aggredito il mio patrimonio con una sentenza completamente infondata che ha riconosciuto a un noto, molto noto sostenitore della sinistra, una somma cinque volte superiore al valore delle mie quote.

Con dei pretesti hanno attaccato me, la mia famiglia, i miei collaboratori, i miei amici e perfino i miei ospiti.

Ora, dopo 41 processi che si sono conclusi senza alcuna condanna, si illudono di essere riusciti ad estromettermi dalla vita politica con una sentenza che è politica, che è mostruosa, ma che potrebbe non essere definitiva, come invece vuol far credere la sinistra. Perché nei tempi giusti, nei tempi opportuni, mi batterò per ottenerne la revisione in Italia e in Europa.

Per arrivare a condannarmi si sono assicurati la maggioranza nei collegi che mi hanno giudicato. Si sono impadroniti di questi collegi, si sono inventati un nuovo reato, quello di “ideatore di un sistema di frode fiscale”, senza nessuna prova, calpestando ogni mio diritto alla difesa, rifiutandosi di ascoltare 171 testimoni a mio favore, sottraendomi da ultimo con un ben costruito espediente al mio giudice naturale, cioè a una delle sezioni ordinarie della Cassazione che mi avevano già ascoltato – la seconda e la terza – due volte su fatti analoghi negando, cito tra virgolette “l’esistenza in capo a Silvio Berlusconi di reali poteri gestori della società Mediaset.

Sfidando la verità, sfidando il ridicolo, sono riusciti a condannarmi a quattro anni di carcere e soprattutto all’interdizione dai pubblici uffici per una presunta ma inesistente evasione dello zero virgola rispetto agli oltre dieci miliardi, ripeto dieci miliardi di euro, quasi 20 mila miliardi di vecchie lire, versati allo Stato dal ’94 ad oggi dal gruppo che ho fondato.

Sono dunque passati vent’anni da quando decisi di scendere in campo. Allora dissi che lo facevo per un Paese che amavo. Lo amo ancora questo Paese, nonostante l’amarezza di questi anni, una grande amarezza. E nonostante l’indignazione per questa sentenza paradossale perché, e lo voglio ripetere con forza:

Io non ho commesso alcun reato.
Io non sono colpevole di alcunché.
Io sono innocente!
Io sono assolutamente innocente!

Ho dedicato l’intera seconda parte della mia vita, quella che dovrebbe servire a raccogliere i frutti del proprio lavoro, al bene comune. E sono davvero convinto di aver fatto del bene all’Italia da imprenditore, da uomo di sport, da uomo di Stato.

Per il mio impegno ho pagato e sto pagando un prezzo altissimo. Ma ho l‘orgoglio di aver impedito la conquista definitiva del potere alla sinistra. A questa sinistra che non ha mai rinnegato la sua ideologia, che non è mai riuscita a diventare socialdemocratica, che è rimasta sempre la stessa: la sinistra dell’invidia, del risentimento e dell’odio.

Devo confessare che sono orgoglioso, molto orgoglioso di questo mio risultato. E proprio per questo adesso insistono nel togliermi di mezzo con l’aggressione scientifica, pianificata, violenta del loro braccio giudiziario (visto che non sono stati capaci di farlo con gli strumenti della democrazia).

Per questo adesso sono qui per chiedere a voi, a ciascuno di voi, di aprire gli occhi, di reagire e di scendere in campo per combattere questa sinistra e per combattere l’uso della giustizia a fini di lotta politica: questo male che ha già cambiato e vuole ancora cambiare la storia della nostra repubblica.

Non vogliamo e non possiamo permettere che l’Italia resti rinchiusa nella gabbia di una giustizia malata che lascia tutti i giorni i suoi segni sulla carne viva di milioni di italiani che sono coinvolti in un processo civile o penale. È come per una brutta malattia, uno dice ‘a me non capiterà’, ma poi, se ti arriva addosso entri in un girone infernale da cui è difficile uscire.

Per questo dico a tutti voi, agli italiani onesti, per bene, di buon senso: reagite, protestate, fatevi sentire. Avete il dovere di fare qualcosa di forte e di grande per uscire dalla situazione in cui ci hanno precipitati.

So bene quanto sia motivata la vostra sfiducia, la vostra nausea per questa politica, per questa politica fatta di scandali, di liti in tv, di una inconcludenza e di un qualunquismo senza contenuti. Una politica che sembra un mondo a parte, di profittatori e di mestieranti drammaticamente lontani dalla vita reale.

Ma nonostante questo, anzi proprio per questo, occorre che noi tutti ci occupiamo della politica. È sporca? Ma se la lasci mentre si sta sporcando, sarà sempre più sporca. Non te ne vuoi occupare? Ma è la politica stessa che si occuperà comunque di te, della tua vita, della tua famiglia, del tuo lavoro, del tuo futuro.

È arrivato quindi davvero il momento di svegliarci, il momento di preoccuparci, di ribellarci, di indignarci, di reagire, di farci sentire.

È arrivato il momento in cui tutti gli italiani responsabili, gli italiani che amano l’Italia e che amano la libertà, devono sentire il dovere di impegnarsi personalmente.

Per questo credo che la cosa migliore da fare sia quella di riprendere in mano la bandiera di Forza Italia. Perché Forza Italia non è un partito, non è una parte, ma è un’idea, un progetto nazionale che unisce tutti. Perché Forza Italia è l’Italia delle donne e degli uomini che amano la libertà e che vogliono restare liberi! Perché Forza Italia è la vittoria dell’amore sull’invidia e sull’odio!
Perché Forza Italia difende i valori della nostra tradizione cristiana, i valori della vita, della famiglia, della solidarietà, della tolleranza verso tutti a cominciare dagli avversari!
Perché Forza Italia sa bene che è lo Stato che deve essere al servizio dei cittadini e non i cittadini al servizio dello Stato!
Perché Forza Italia è l’ultima chiamata prima della catastrofe!
È l’ultima chiamata per gli italiani che sentono che il nostro benessere, la nostra democrazia, la nostra libertà sono in pericolo. E rendono indispensabile un nuovo, più forte e più vasto impegno.

Forza Italia sarà un vero grande movimento degli elettori, dei cittadini, di chi vorrà diventarne protagonista. Una forza che può e che deve conquistare la maggioranza dei consensi, perché vi ricordo che solo con una vera e autonoma maggioranza in Parlamento si può davvero fare del bene all’Italia.

Per tornare ad essere una vera democrazia e per liberarci dall’oppressione giudiziaria, per liberarci dall’oppressione fiscale, per liberarci dall‘oppressione burocratica.

Per questo vi dico scendete in campo anche voi
per questo ti dico scendi in campo anche tu (punta il dito contro la telecamera, ndr) diventa anche tu un missionario di libertà pronto a impegnarti nelle prossime campagne elettorali e nelle sezioni elettorali per evitare che ci vengano sottratti troppi voti, come purtroppo è sempre accaduto.

Voglio ripeterlo ancora: in questo momento, nella drammatica situazione in cui siamo, ogni persona consapevole e responsabile che vuol continuare a vivere in Italia ha il dovere di occuparsi direttamente del nostro comune destino.

Io sarò sempre con voi, al vostro fianco, decaduto o no. Si può fare politica anche fuori dal Parlamento. Non è il seggio che fa un leader, ma è il consenso popolare, il vostro consenso. Quel consenso che non mi è mai mancato e che, ne sono sicuro, non mi mancherà neppure in futuro.

Anche se, potete esserne certi, continueranno a tentare di eliminare dalla scena politica, privandolo dei suoi diritti politici e addirittura della sua libertà personale il leader dei moderati, quegli italiani liberi che, voglio sottolinearlo, sono da sempre la maggioranza del Paese e lo saranno ancora se sapranno finalmente restare uniti.

Sono convinto che mi state dando ragione, sono convinto che condividete questo mio allarme, sono convinto che saprete rispondere a questo mio appello che è prima di tutto (si mette una mano sul cuore, ndr) una testimonianza di amore per la nostra Italia.

E dunque Forza Italia!
Forza Italia!
Forza Italia!
Viva l’Italia, viva la libertà!
La libertà è l’essenza dell’uomo,
e Dio, creando l’uomo, l’ha voluto libero”.