Violenza sulle donne e violenza assistita sui bambini: la campagna di Ikea e Save The Children

di Maria Elena Perrero
Pubblicato il 24 Novembre 2019 14:08 | Ultimo aggiornamento: 24 Novembre 2019 14:08
Violenza sulle donne e violenza assistita sui bambini: la campagna di Ikea e Save The Children

(@YouTube)

MILANO – Si chiama violenza sulle donne, dovrebbe chiamarsi violenza sugli inermi. Non solo sulle compagne, fidanzate, mogli o ex malmenate, a volte uccise, ma anche su chi è con loro, i loro bambini. Figli di femminicidi e pure, più semplicemente, i piccoli che assistono alle botte e alle umiliazioni date alla loro mamma.

Quella che subiscono si chiama violenza assistita ed è l’oggetto di una campagna pubblicitaria di Ikea e Save The Children. Una violenza che in Italia, in soli cinque anni, ha avuto come vittime quasi mezzo milione di minori. 

Se oltre 1,4 milioni di mamme hanno subito una qualche violenza domestica, sono ancora di più (6,7 milioni) quelle che hanno temuto per la vita propria o dei propri figli, che spesso hanno visto, impotenti, quelle violenze, e i cui segnali di malessere in molti casi non vengono nemmeno considerati dagli adulti. Da qui la campagna di Save the Children ed Ikea, accompagnata da una petizione per chiedere maggiori risorse per queste piccole vittime incolpevoli. Perché la violenza domestica e i femminicidi non riguardano solo le donne. (Fonti: Save The Children, YouTube)