YOUTUBE Polizia Minnesota uccide Phillando Castille: fidanzata riprende tutto

di redazione Blitz
Pubblicato il 8 Luglio 2016 19:24 | Ultimo aggiornamento: 8 Luglio 2016 19:26
Polizia Minnesota uccide Phillando Castille11

Polizia Minnesota uccide Phillando Castille

FALCON HEIGHTS – Philando Castille è stato ucciso a 32 anni dalla polizia a Falcon Heights in Minnesota. L’episodio insieme alla morte di un altro nero disarmato avvenuta questa volta in Louisiana ha provocato manifestazioni in varie città d’America, culminate con i 5 poliziotti uccisi a Dallas.

Una delle cose che colpiscono della morte di Castille è il video girato con lui in auto dalla fidanzata Lavish Reynolds. Castille, 32 anni, che lavorava in una caffetteria della scuola St. Paul,  sta perdendo sangue sul sedile del passeggero e poco dopo morirà. Lei, armata di telefonino, comincia a registrare i momenti immediatamente successivi alla sparatoria, pubblicando un video di dieci minuti in diretta su Facebook, e caricandolo successivamente anche su YouTube.

Nel video sconsigliato ad un pubblico sensibile si vede l’uomo coperto di sangue, riverso nel sedile di guida della macchina; allo stesso tempo la donna descrive quanto successo. La polizia ha appena sparato al suo compagno e lei, mantenendo un certo autocontrollo, dice all’agente: “Per favore, agente, non mi dica che l’ha fatto”. Il poliziotto ha la pistola ancora puntata all’interno dell’abitacolo: “Gli ha sparato quattro colpi, signore. Stava solo prendendo la patente e il libretto, signore.”

Come racconta il Corriere della Sera, questo video lascerà il segno. A dirlo è David Redlawsk , professore di Scienze Politiche all’Università di Rutgers nel New Jersey:

“Un video così «intenso» ed «emozionante» non «si era mai visto». Sono «immagini che lasceranno il segno nella società americana». David Redlawsk è un professore di Scienze Politiche all’Università di Rutgers, nel New Jersey, e dirige l’Eagleton Center for Public Interest Polling, uno degli istituti più noti per lo studio dell’opinione pubblica americana.

Guardando il filmato girato da Lavish Reynolds si ha l’impressione che si sia preparata a lungo, che abbia imparato a usare il telefonino come se fosse una tecnica di autodifesa…
«Sì. Ed è l’aspetto che mi ha colpito di più. Penso che questo video sia il segnale più chiaro di quanto sia ormai diventato alto il livello di sfiducia della comunità afroamericana nei confronti delle forze di polizia. È impressionante, nello stesso tempo intenso ed emozionante il comportamento di questa donna: non si fa cogliere di sorpresa. Effettivamente è come se si fosse addestrata a reagire così, a raccogliere prove e, soprattutto, testimoni»”.