Video

YOUTUBE Ryom Tae-ok e Kim Ju-sik: il destino del mondo appeso a questi due atleti

Ryom Tae-ok e Kim Ju-sik: il destino del mondo appeso a questi due atleti

Ryom Tae-ok e Kim Ju-sik: il destino del mondo appeso a questi due atleti

OBERSTDORF – Il destino del mondo è appeso due ragazzi di nome Ryom Tae-ok, 18 anni, e Kim Ju-sik di 25. Si tratta di due atleti di pattinaggio di figura nordcoreani allenati da uno staff canadese. La coppia, a Oberstdorf in Baviera, si èm qualificata per le Olimpiadi con una prova bella e sorprendente sulle note della struggente “Je ne suis qu’une chanson” di Ginette Reno.

Le Olimpiadi invernali del 2018 si disputeranno a Pyeongchang in Corea del Sud. Siamo a due passi dal confine più militarizzato del mondo, quello tra la Corea del Nord e la Corea del Sud. I giochi cominceranno il prossimo 9 febbraio. Se la guerra contro Kim Jong-un sarà già cominciata, loro due potrebbero salvare il mondo scongelando gli animi grazie alla loro prestazione. Sempre se riusciranno a gareggiare: il loro destino è nelle mani del Comitato olimpico internazionale che potrebbe accodarsi alle Nazioni unite e decretare l’esclusione della Corea del Nord dai Giochi in segno di rappresaglia.

In Germania, Ryom Tae-ok e Kim Ju-sik erano seduti accanto ai colleghi americani e non hanno espresso alcun gesto di rabbia per il grande nemico americano.

I test missilistici e i proclami bellici hanno intanto messo a rischio l’intera organizzazione olimpica visto che già Francia, Austria e Germania hanno avvertito che non invieranno i loro atleti se la situazione tra Corea del Nord e Sud non sarà in qualche modo normalizzata.  Chissà se i due giovanissimi atleti nordcoreani riusciranno a fare il miracolo.

To Top