YOUTUBE San Bernardino, agente-eroe: “Mi prendo pallottola”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Dicembre 2015 10:10 | Ultimo aggiornamento: 3 Dicembre 2015 11:28
San Bernardino, momenti di panico durante sparatoria

San Bernardino, momenti di panico durante sparatoria

SAN BERNADINO – Un video girato con un cellulare mostra alcune persone all’interno del centro per disabili di San Bernardino. Il gruppo di persone viene fatto uscire dallo stabile con le mani in alto. E un agente cerca di rassicurare tutti: “State calmi, le pallottole me le prendo io”.

Il filmato amatoriale è stato diffuso poche ore dopo la sparatoria avvenuta al blocco 1300 di Waterman Avenue, vicino Orange Show Road, in un centro di servizi sociali di San Bernardino, cittadina di 200 mila abitanti a circa 100 chilometri a est di Los Angeles. Nell’Inland Regional Center lavorano 670 persone e si occupano di persone con disabilità. I killer hanno aperto il fuoco nella sala in cui si stava svolgendo la festa di Natale dei dipendenti uccidendo 14 persone e ferendone 17.

A compiere la strage sono stati Syed Farook e Tashfeen Malik, un uomo e una donna di 28 e 27 anni. I due, armati fino ai denti e in tuta mimetica hanno aperto il fuoco. Erano marito e moglie: la coppia, araba, aveva preparato con cura l’attentato predisponendo anche tre bombe in varie parti del palazzo preso a target, che la polizia ha individuato e disinnescato più tardi. Farook, un uomo tranquillo e educato, non sembrava nutrire risentimenti. Era un devoto musulmano, portava la barba lunga ma non parlava mai di religione. Syed Farook, da 3 anni lavorava nel centro. 

“I tre killer responsabili della sparatoria nel centro per disabili di San Bernardino, in California, sapevano quello che facevano” ha detto lo sceriffo John McMahon, in conferenza stampa. “Sono entrati nell’edificio con un obiettivo ben preciso, come se avessero una missione da compiere”, ha aggiunto il poliziotto.