Alleanza tra Dio e Mammona. Analisi dei rapporti tra Berlusconi e la Chiesa di Ruini e Bagnasco. Paolo Flores d’Arcais su Micromega

Pubblicato il 25 Settembre 2009 13:21 | Ultimo aggiornamento: 25 Settembre 2009 13:54

“Nessuno può servire a due padroni: o odierà l’uno e amerà l’altro, o preferirà l’uno e disprezzerà l’altro: non potete servire a Dio e a Mammona” (Matteo 6,24 e Luca 16,13), ma è noto che il cardinal Ruini, nel suo lungo periodo di leader incontrastato della Chiesa gerarchica in Italia, è riuscito nel miracolo, ha fatto dell’alleanza tra Dio e Mammona la stella polare della politica cattolica.

Così comincia Paolo Flores d’Arcais una analisi dei rapporti tra Stati italiano e Chiesa cattolica nell’era di Berlusconi, Ruini e Bagnasco.

E così conclude:

Berlusconi e la Chiesa dei Ruini e Bagnasco hanno in comune l’odio strutturale per l’autonomia degli esseri umani. In nome del loro Dio i secondi, del proprio Ego il primo. Ci vogliono obbedienti “perinde ac cadaver”, anziché criticamente pensanti e liberamente agenti. Ma due analoghe pretese totalitarie entrano anche in rotta di collisione. Da qui il caso Boffo scatenato da “il Giornale”, che in trasparente codice “mafioso” allude alla possibilità di rivelazioni su omosessualità ben più in alto. Da qui la risposta della Cei, che minaccia di cambiare alleato. Contraddizioni in seno ai nemici delle libertà. Insomma, la vendita delle indulgenze continua.

Un articolo che merita lettura e riflessione, sul sito di Micromega (…)