Buccaneer/ Ultimatum scaduto, si continua a pregare per marinai italiani nella mani dei pirati. Fregata Maestrale pronta

Pubblicato il 2 Maggio 2009 0:30 | Ultimo aggiornamento: 2 Maggio 2009 0:30

Si continua a pregare per i sedici marinai (dieci italiani) della Buccaneer, ancora nelle mani dei pirati somali. L‘ultimatum è scaduto il 27 aprile, ma ancora non si hanno notizie definitive, nè in senso positivo, nè negativo. La Farnesina prosegue le trattative, mentre sale il terrore in alto mare.

L’ultima telefonata risale alla mattina 28 aprile, poi più nulla. Quel che è certo sono le condizioni dei ragazzi, che peggiorano col passare delle ore. «Stanno bene – ha detto Pasquale Vollaro, padre di Giovanni, marinaio italiano sequestrato dai pirati – ma ancora una volta ci ha chiesto di fare presto visto che sulla nave stanno soffrendo. La voce di mio figlio era terrorizzata».

L’ammiraglio Luigi Binelli Mantelli afferma che la fregata Maestrale è pronta per ogni eventualità: «Le due parti stanno parlando, si stanno scambiando le varie richieste e penso che alla fine si arriverà ad una soluzione. Noi dobbiamo essere pronti a fare il nostro dovere».