L’inno d’Italia? “Non lo conosce nessuno. Tutti cantano Va pensiero”. Parola di Umberto Bossi

Pubblicato il 17 Agosto 2009 18:11 | Ultimo aggiornamento: 17 Agosto 2009 18:11

L’inno italiano? «Non lo conosce nessuno». Il Presidente della Repubblica? «Meglio Napolitano di Ciampi.

Alla festa della Lega a Ponte di Legno, il ministro delle Riforme ha spiegato che «quando cantiamo il nostro inno, il Va pensiero, tutti lo cantano perchè tutti conoscono le parole, non come quello italiano che nessuno conosce». Secondo Bossi, il fatto che più gente conosca le parole del Va pensiero significa un maggiore attaccamento alla Lega «perché la gente ne ha piene le scatole».

Bossi spiega anche l’importanza delle gabbie salariali: «Noi siamo nell’epoca del federalismo e chi non vuole i salari territorializzati è uno che non vuole l’applicazione del federalismo». E ricorda che «la Lega non è nata solo per vincere le elezioni ma per liberare la nostra gente dal centralismo romano. Non andrò in pensione fino a quando non avremo liberato la nostra gente da Roma ladrona».