Usa: il giorno dell’iPad, ma le file davanti gli store sono corte

Pubblicato il 3 Aprile 2010 12:22 | Ultimo aggiornamento: 3 Aprile 2010 12:23

Oggi è il giorno dell’iPad: alle nove del mattino sono scattate le vendite negli Usa della tavoletta ‘magica’ dell’Apple, che da settimane tiene banco tra indiscrezioni e ‘recensioni’. L’iPad viene venduto negli Apple Store di tutta l’America ma al momento non sembra che ci siano ‘le orde’ di consumatori che tre anni fa avevano accompagnato il lancio dell’iPhone.

Un po’ di clienti sono in fila nei negozi di New York, Washington, Boston e San Francisco in netto contrasto con le migliaia che c’erano quando debuttò l’iPhone nel 2007. C’e’ da dire però che con la possibilità di preordinare il gadget da marzo, non c’era motivo di stare in piedi e in fila davanti ai negozi. Chi l’ha ordinato via internet in tempo ha infatti la possibilità di ritirare l’iPad presso uno store o di avere la consegna a domicilio. Gli analisti dicono che le vendite sono già state pesanti: Apple ha puntato molto sul tablet definendolo una “rivoluzione”, un oggetto a metà tra un computer portatile e uno smartphone. Si tratta del lancio piu’ importante per l’azienda dopo l’iPhone.

La tavoletta con schermo al tatto da 9,7 pollici (24,6 centimetri), pesa 200 grammi e ha due diverse versioni: Wifi e 3G (solo fine aprile). Consente agli utenti di guardare video, ascoltare musica, giocare, navigare in internet o leggere libri elettronici. Sono gia’ 150 mila le applicazioni utilizzabili. Il prezzo va dai 499 dollari agli 829 a seconda delle caratteristiche. Apple ha confermato che le due versioni del nuovo prodotto saranno disponibili in Italia, Spagna, Giappone, Canada, Australia, Regno Unito, Francia, Germania, Svizzera a fine aprile ma non si sa quando nel resto del mondo. Secondo le stime degli esperti Apple ha già ricevuto 240.000 ordini nelle prime due settimane, 120.000 solo il primo giorno e si calcola che entro l’anno saranno vendute 5 milioni di unità.