Vestito da donna ci prova col cane, condannato a 12 settimane in carcere, amore con gli animali vizietto diffuso Vestito da donna ci prova col cane, condannato a 12 settimane in carcere, amore con gli animali vizietto diffuso

Vestito da donna ci prova col cane, condannato a 12 settimane in carcere, amore con gli animali vizietto diffuso

Vestito da donna ha cercato di fare sesso con un cane: è stato incarcerato per 12 settimane. Un passante lo ha visto e ha chiamato la polizia inorridito.

L’animale è stato restituito al suo proprietario mentre il trentenne vestito da donna che cercava di fare sesso con l’animale è stato arrestato e condannato. Un episodio simile si era già registrato a giugno di quest’anno da parte di un cinquantaseienne che filmò sé stesso mentre abusava sessualmente il suo animale domestico.

L’uomo, Peter Lerwill, 30 anni, è stato incarcerato per 12 settimane per aver cercato, vestito da donna,  di fare sesso con un cane. Lo ha denunciato un osservatore che, scioccato, ha allertato la polizia.

Il cane è stato portato da un veterinario ma fortunatamente è rimasto illeso ed in seguito è stato restituito al suo proprietario.

A Lerwill è stato inoltre vietato di possedere un cane per cinque anni ed è stato inserito nel registro dei criminali sessuali per lo stesso periodo di tempo.

Un portavoce della Polizia ha dichiarato: “Lerwill ha ammesso il tentativo di rapporto sessuale con un animale presso la Lewes Crown Court ed è stato condannato al carcere”.

Il tribunale lo ha rilasciato su cauzione in attesa del processo durante il quale Lerwill ha cambiato la sua dichiarazione di colpevolezza ma i campioni forensi, ottenuti durante la valutazione del cane, hanno rafforzato l’ipotesi di attività di natura sessuale con l’animale.

L’investigatore capo Oliver Robinson ha dichiarato: “Si è trattato di un caso estremamente sconvolgente in cui Lerwill ha predato un animale indifeso. Questa condanna significa che l’uomo sarà gestito per cinque anni in modo appropriato da una squadra di agenti specializzati per garantire il rispetto degli ordini imposti dal tribunale”.

Nel giugno di quest’anno, un altro uomo, Dean Beer, 56 anni, ha registrato in modo disgustoso sé stesso mentre abusava sessualmente del suo animale domestico prima di inviare il video ad un’altra persona tramite Facebook Messenger. Arrestato, è stato condannato a nove mesi di carcere.

L’inquietante filmato è stato scoperto quando la polizia si è recata a casa sua dopo aver ricevuto informazioni dalla National Crime Agency sul caricamento di un’immagine indecente.

 

Gestione cookie