Alberto Stasi in cella: “Spegnete la tv, non voglio sapere”

di redazione Blitz
Pubblicato il 14 Dicembre 2015 10:18 | Ultimo aggiornamento: 14 Dicembre 2015 10:18
Alberto Stasi in cella: "Spegnete la tv, non voglio sapere"

Alberto Stasi

BOLLATE (MILANO) “Spegnete la tv, non voglio sapere cosa dicono di me”. Alberto Stasi condannato a 16 anni arriva in carcere a Bollate (Milano) subito dopo la sentenza, nemmeno il tempo, o meglio la voglia, di andare a casa a prendere qualche vestito: “Mi sono immaginato la ressa di giornalisti davanti al cancello, il solito clamore. E allora ho preferito venire qui direttamente”, ha detto. E in carcere la prima cosa che ha fatto è stata chiedere ai compagni di cella, un italiano e due montenegrini, di spegnere il televisore: “Non voglio sapere cosa dicono di me”, raccontano Giusi Fasano e Pierpaolo Lio sul Corriere della Sera. 

Stasi continua a dirsi innocente: “Non me l’aspettavo. Giuro che proprio non me l’aspettavo. Anche il procuratore generale aveva chiesto l’assoluzione. Io non ho ucciso Chiara, ero tranquillo…”. Ma per la Corte di Cassazione è stato lui ad ammazzare Chiara Poggi, 26 anni, nella sua villetta di Garlasco (Pavia) la mattina del 13 agosto del 2007.

Nel carcere di Bollate, nella sua cella al terzo piano, la prima notte l’ha passata in bianco, come raccontano Fasano e Lio:

“Davanti al consigliere regionale che alle undici passa a trovarlo c’è un ragazzo «abbattuto e dimesso». Faccia stanca di chi ha dormito poco o nulla. «Com’è andata la prima notte?» chiede il suo interlocutore. E lui: «Veramente non è la prima volta, in carcere c’ero già stato ma non mi ricordavo com’era, sono passati più di otto anni… però anche allora mi avevano rilasciato al quinto giorno, avevano analizzato il sangue (era il Dna di Chiara trovato sul pedale della sua bicicletta, ndr ) e alla fine avevano capito di avere davanti un innocente». Il chiodo batte sempre sullo stesso punto: sono innocente, questa sentenza è ingiusta”.

Quando è arrivato nella sua cella ha subito chiesto ai compagni un solo favore: “Vorrei non guardare in televisione i programmi che parlano di me. Non voglio vederne nessuno. Si può?”.

Scrivono Fasano e Loi:

“Quasi una preghiera. Alberto non vuole sapere che cosa dicono di lui oltre le barriere del carcere, non ha più importanza, non vale più neanche la pena di arrabbiarsi per le interpretazioni fuori luogo, per un titolo sbagliato, per il saccente di turno che parla di lui e del processo senza aver mai letto nessuna carta. «Ve lo chiedo per favore» ha implorato i nuovi compagni delle sue giornate. E loro hanno capito, hanno evitato qualunque notizia o trasmissione sul caso Garlasco. «Tua mamma?» chiede il consigliere cambiando argomento. «L’ho chiamata, la vedrò lunedì». Pausa. Nodo in gola e poche altre parole, «la mamma ora è sola…». Il politico regionale lo vede in difficoltà, così emozionato da essere sul punto di piangere. E allora cambia di nuovo la direzione del discorso. Gli chiede del futuro, di come immagina tutto quel tempo dietro le sbarre. «Devo ancora capire, non riesco a credere di essere qui» dice. «Ero convinto che sarebbe finita bene e non ho avuto il tempo di pensarci né di preparare niente, domani la mamma mi porterà un po’ di cose, magari vado in biblioteca a prendere un libro, vedrò come devo organizzarmi, cosa fare…».

La vita in carcere è una sequenza di azioni che si ripetono identiche ogni santo giorno, di orari sempre uguali per fare questo o quello. Si pranza alle 11, si cena alle 17, le celle sono aperte dalle otto del mattino alle otto di sera. Si può passeggiare nei corridoi, andare in palestra, in biblioteca, appunto. Ma ieri mattina era troppo presto per fare qualsiasi cosa che non fosse parlare, raccontare, sfogarsi. Consegnare a qualunque sconosciuto fosse arrivato quella parola che Alberto ripete da sempre: innocente, io sono innocente. Prima di costituirsi, sabato, aveva affidato all’avvocatessa Giada Bocellari (che lo aveva accompagnato fino al portone del carcere) un saluto a «tutti quelli che si sono occupati umanamente e professionalmente di questa triste vicenda». «Grazie, vi voglio bene» aveva chiesto di far sapere. Poi lei aveva seguito la sagoma di quel ragazzo fino a vederla sparire dietro il portone. Per i prossimi 16 anni”.